Antifascismo: Verona e Ventura a Pontremoli – Appuntamenti di primavera ad Aulla – Giovagallo: due incontri della Estate Dantesca

Antifascismo: il sindaco Verona e lo storico Ventura a Pontremoli
Sabato, 12 giugno, ricorre il centesimo anniversario della spedizione fascista che nel 1921 a Pontremoli occupò il Dopolavoro Ferrovieri e all’Annunziata distrusse il Circolo Operaio. In città erano accorse squadre da tutti i comuni della provincia di Massa Carrara e della Spezia, in una sorta di prova generale di quanto sarebbe accaduto a Sarzana il 21 luglio seguente dove tuttavia le camicie nere vennero respinte dai carabinieri e dagli antifascisti locali. Sabato alle 17 nei giardini del Teatro della Rosa, nel giorno della ricorrenza, la sezione di Pontremoli dell’Anpi ricorderà quel violento episodio della nostra storia riflettendo sull’essere antifascisti oggi.
All’incontro parteciperanno Maurizio Verona, sindaco di Stazzema e promotore della proposta di legge contro la propaganda e la diffusione di simboli fascisti e Andrea Ventura, direttore dell’Istituto Storico della Resistenza di Lucca, che presenterà il suo ultimo libro “Italia Ribelle. Sommosse popolari e rivolte militari nel 1920” (Carocci, 2021). L’iniziativa si svolgerà nel rispetto delle norme anti Covid-19 e in caso di maltempo si terrà nelle stanze del Teatro della Rosa.

Appuntamenti di primavera ad Aulla
Proseguono ad Aulla gli appuntamenti di promozione del territorio. In programma domenica 13 giugno Caprigliola e i suoi mulini, dall’ulivo al castagno. Domenica 20 giugno sarà invece la volta dell’Abbazia di San Caprasio. Prenotazione obbligatoria: 331 8866241; 366 3712808.

Giovagallo: due incontri della Estate Dantesca
Riprendono sabato 19 giugno le iniziative promosse dal Comitato “Giovagallo luogo Dantesco”: alle ore 17 Sandro Santini interverrà su “I Malaspina in Lunigiana”. Il sabato successivo, 26 giugno, sempre alle ore 17, Eliana Vecchi, presidente della Sezione Lunense dell’Istituto internazionale di Studi Liguri, descriverà le figure dei marchesi che ospitarono Dante nel castello di Giovagallo e le tracce che hanno lasciato nei documenti storici nella conferenza “Giovagallo fra Moroello Malaspina e Alagia Fieschi”.

Condividi