Meteo

Previsioni valide dal 26 giugno al 2 luglio 2019

Questa estate sta andando a gonfie vele, forse anche troppo per certi versi, perché la ‘’bolla’’ di aria calda in risalita dall’entroterra algerino e diretta verso gli stati centro occidentali europei, comprese le nostre regioni, sarà di quelle davvero toste e rischia anche di avere caratteristiche di persistenza e, localmente, di eccezionalità per il mese di giugno. Infatti la pressione atmosferica si sta portando su valori molto alti a tutte le quote e quando accade questo  si forma un vero e proprio muro che non permette l’ingresso di alcuna perturbazione per molti giorni, se non per settimane. Inoltre il caldo è in grado di spingersi sino ai monti, dove si prevedono massime superiori a 30°C anche ai 1000 metri del Passo delle Cisa. Staremo a vedere. Il picco massimo di calore è atteso fra giovedì e venerdì, ma praticamente sino a fine mese avremo giornate soleggiate e molto calde. Forse con i primi di luglio andremo incontro ad un lento calo delle temperature. Aggiornamenti su il corriere apuano.it e meteoapuane.it.

Mercoledì 26: cielo sereno. Venti a regime di brezza molto deboli. Temperature minime fra 14°C e 18°C, massime fra 33°C e 37°C. Caldo torrido ( più secco ) nei fondovalle, afoso in costa.

Giovedì 27:  cielo sereno. Venti a regime di brezza debolissima. Temperature minime fra 16°C e 20°C, massime fra 35°C e 39°C.

Venerdì 28:  cielo sereno. Venti deboli in rotazione a Nord ma con inibizione delle brezze. Temperature minime fra 17°C e 21°C, massime fra 36°C e 40°C.

Sabato 29: cielo sereno. Venti in debole rinforzo da Nord, specie fra Appennino e allo sbocco dei valichi, con locale calo delle temperature nei valori massimi, ma sempre molto elevati, e superiori ai 35°C/36°C.

Domenica 30: sereno o poco nuvoloso per qualche cumulo pomeridiano montano. Venti deboli da Nord. Temperature minime fra 17°C e 23°C, massime fra 34°C e 37°C.

Lunedì 1:  ancora tempo stabile e caldo, con tendenza ad una maggiore formazione di cumuli di calore pomeridiani sui monti, ma senza fenomeni.

Martedì 2: il tempo caldo e assolato potrebbe essere localmente interrotto da locali e brevi temporali pomeridiani in Appennino, che potrebbero regalarci qualche refolo fresco.

dati meteo

Bizze del meteo tra maggio e giugno: le similitudini con il 1879

25meteoMaggio e giugno 2019: freddo, umido, piovoso e oscuro il primo; asciutto, radioso e ancora altalenante tra frescura notturna e qualche puntata di calura diurna il secondo. Non è frequente un passaggio così netto dal brutto stabile sul finire della primavera ad un regime di generale stabilità in avvio d’estate. Fra alti e bassi, in questo periodo, è più facile che si verifichino percorsi molto graduali di avvicinamento al tipico assetto estivo.
Scorrendo le alterne vicende del passato, si può individuare qualche somiglianza con ciò che avvenne nel lontano 1879: un maggio molto freddo e dalla piovosità record (339 mm, epilogo di una delle primavere più perturbate degli ultimi due secoli, archiviata con 825,4 mm!), poi un giugno piuttosto caldo e decisamente asciutto (appena 15 mm).
Quindi, non furono solo maggio e giugno a mostrare facce del tutto opposte, ma le stagioni primaverile ed estiva nel loro complesso. Dopo un luglio termicamente moderato e non privo di qualche rovescio, infatti, il trimestre estivo del 1879 si accomiatò con un agosto caldo e secco: il conto stagionale della pioggia si fermò a 42,5 mm, valore misero che sancì quella che rimane tuttora la più arida delle estati pontremolesi degli ultimi 140 anni.
25meteo_tabellaNel XX secolo si riscontra un andamento non dissimile (a parte le temperature più miti di maggio) nel 1931, che vide accostarsi i 270 mm di maggio ai soli 14,6 mm di giugno. Pure nel 1935 ad un maggio decisamente fresco, anche se non troppo piovoso, seguì un giugno avaro di precipitazioni (19 mm) e destinato a chiudersi con giornate di caldo rovente che stracciò ogni record relativo a giugno, primati ancora in voga in molte città e località di tutta Italia.
Analogo, in parte, fu il comportamento del bimestre maggio-giugno 1949, che all’inclemenza di maggio abbinò il franco miglioramento di giugno, prodromo della siccità che distinse quell’estate.
Si è offerto un campione di casi del passato, anche remoto, per mostrare che la “perversità” delle vicende meteo-climatiche non è prerogativa del nostro tempo.
Tornando al 2019, invece, non resta che richiamare l’attenzione sugli sbalzi di temperatura occorsi, al mutare della massa d’aria, nelle notti e nei giorni di metà mese: la nuvolosità, anche compatta, ma non duratura nell’arco delle 24 ore, ha recato solo gocciolate/piovaschi/pioviggine il 12, 14 e 15 e qualche blando tentativo temporalesco la sera del 14.
La magnifica giornata del 13 si è distinta per le ore notturne molto fresche: a Pontremoli, si è rilevata la temperatura più bassa, in giugno, da 13 anni. Al contrario, l’inibizione delle brezze e una debole corrente discendente hanno creato le condizioni per l’impennata dei termometri nei pomeriggi di venerdì 14 e lunedì 17. 

a cura di Maurizio Ratti, Mauro Olivieri e Giovan Battista Mazzoni

Archivio

 Consulta l’archivio

  • 24meteo Maggio e giugno: dal freddo al caldo in dieci giorni - Molte aspettative erano riposte su giugno e l’incipiente avvio d’estate affinché l’auspicato bel tempo potesse prendere campo: desiderio più che comprensibile dopo uno dei peggiori mesi di maggio degli ultimi decenni. Le attese non sono andate deluse, ché metà della prima decade di giugno (volata via in un soffio)  è trascorsa al sereno e la…
  • 23meteo Maggio rimandato in quasi tutte le ‘materie’ - L’avvio di giugno ha fatto riassaporare giornate di sole e portato il primo e desiderato caldo diurno, giacché finora temperature sui 24-25°C erano rimaste nei sogni e, per il resto, maggio ha tradito non si dirà l’attesa di chissà quali condizioni ideali, ma financo l’anelito ad una modesta, mediocre, normalità; ha fatto pena sotto tutti…
  • 22meteo Una interminabile processione di nuvole - I cieli brumosi di maggio stanno mostrando una tenuta oltre le più tetre previsioni: talora lo si avverte come un flusso, talora come una cappa, altre volte come un ciclonico roteare di nuvole, ma si tratta pur sempre di cielo coperto o, nelle migliori delle ipotesi, molto nuvoloso. Del tutto anomala la persistenza, per l’intero…
  • 21meteo Tifiamo tutti… per il sole di fine maggio! - D’accordo, lo dice anche il proverbio maggio, vai adagio, ma il nostro del 2019, più che adagio, pare essersi bloccato o voler fare come i gamberi con tutte le conseguenze del caso sull’organismo umano e sulle colture agricole. Terminata la 2a decade è tempo di confronti: rare volte, tra l’11 e il 20 maggio, cuore…
  • 20meteo Metà maggio, ‘inverno dei cavalieri’ - Trascorse due settimane esatte dall’inizio del mese, si può affermare che la bella giornata del 1° maggio è rimasta per ora l’unica, mentre in seguito le condizioni meteo hanno offerto solo tempo perturbato, instabile o, nella migliore delle ipotesi, variabile. Una tarda primavera, quindi, poco favorevole sia a diverse attività economiche che alla vita all’aria…