Meteo

Previsioni valide dal 12 al 18 dicembre

Con l’avvicinarsi dell’ingresso ufficiale dell’inverno astronomico, anche la grande circolazione atmosferica pare  volere adeguarsi al cambio stagionale. Masse di aria piuttosto fredda provenienti dal Nord Europa stanno iniziando ad affluire verso le nostre regioni, dove andranno a confluire con aria più umida e temperata di origine Atlantica. Probabile quindi la formazione di una Bassa pressione che, pur se andrà probabilmente ad interessare più direttamente le regioni centro meridionali e le Isole Maggiori, dovrebbe estendere la sua influenza anche alle nostre zone. Quindi tempo tipicamente invernale nei prossimi giorni.

Mercoledì 12: progressivo aumento della nuvolosità nel corso della giornata con pioggerelle a valle e neve oltre 600/800 metri fra il pomeriggio e la sera. Temperature rigide.

Giovedì 13:  nuvolosità diffusa con brevi schiarite. Piovaschi a valle e neve in montagna oltre 600 metri, qualche fiocco anche a quote più basse al mattino presto e poi dalla sera. Venti di Tramontana scura.

Venerdì 14:nuvoloso o molto nuvoloso con tendenza ad ampie schiarite. Qualche goccia di pioggia in valle con neve oltre 500/700 metri. Venti di Tramontana rigidi.

Sabato 15:  atteso un miglioramento con ampie schiarite. Persisteranno venti settentrionali  con temperature massime in lieve aumento e minime in lieve calo.

Domenica 16: sereno o poco nuvoloso nella notte con gelate, Rapido aumento della nuvolosità nel corso della giornata con piovaschi o deboli piogge e nevischio sui monti fra il pomeriggio e la sera.. Temperature ancora basse ma in tendenziale rialzo entro sera.

Lunedì 17:  cielo molto nuvoloso con piogge sparse e neve in montagna a quote medie. Venti da Sud Est in nuova rotazione a Nord. Temperature stazionarie, nella media stagionale.

Martedì 18: nuvolosità irregolare con deboli piogge. Temperature senza grosse variazioni.

dati meteo

Dicembre, un meteo all’insegna della fluidità

47meteoL’atmosfera non si è stancata di respirare e di mutare faccia quasi senza posa nei primi dieci giorni di dicembre. Situazione molto fluida, con sereno un dì, coperto il successivo, deboli piogge o pioviggini, verificatesi in ore notturne, mattutine o serali, hanno prodotto accumuli di pochi mm.
Mercoledì 5, fase prefrontale dalla brina dell’alba al cielo del mezzodì dipinto di serici cirri fino alla totale copertura serale.
Nubi via via più basse, densa foschia e pioviggine hanno segnato le ore antimeridiane di giovedì 6, ma le schiarite hanno poi avuto la meglio pomeriggio e sera sotto l’incalzare della tramontana, destinata a durare poco.
Le ore notturne, infatti, hanno subito ‘messo a nanna’ il vento e, ripartendo da capo, il mattino del 7, le nubi sono andate aumentando dopo la fugace brinata presente all’aurora. La fase di libeccio è quindi entrata in azione raccogliendo la nuvolosità fino al cenno di pioggerella a cavallo della mezzanotte.
47meteo_tabellaEntro le prime ore del mattino festivo di sabato 8, ecco il maestrale in grande spolvero, indaffarato a lustrare l’orizzonte e a restituire la perfetta serenità e, in più, la secchezza dell’aria. Le folate della corrente da NW, già in attenuazione dal pomeriggio, si sono ammutolite a sera lasciando spazio alle nubi dell’ennesimo, veloce e poco attivo fronte in arrivo. Fugacissima la brinata notturna, ché avanti giorno una coltre di stratocumuli si era già accampata sulla Lunigiana. La nuvolaglia si è andata dissolvendo senza apportare alcuna precipitazione e sotto lo spirare, per poche ore, del vento marino.
Lunedì 10, altro capovolgimento: giornata scintillante di sole e agitata da raffiche di vento favonico. L’aria si è raffreddata la sera senza che il vento si calmasse, segno dell’arrivo di tramontana più degna di tal nome. Quindi una prima decade di dicembre movimentata per i molti passaggi frontali, ma ben diversi dalle perturbazioni responsabili di acuto maltempo dello stesso periodo dello scorso anno: il 10, si ebbe la prima neve a Pontremoli, l’8 era già piovuto in abbondanza; ancor peggio fu l’11, con il diluvio che seguì alla neve anzidetta facendo infuriare fiumi e torrenti la notte del 12, quando le piogge cessarono e rientrò l’allerta meteo che era stata diramata dalla protezione civile.

a cura di Maurizio Ratti, Mauro Olivieri e Giovan Battista Mazzoni

Archivio

 Consulta l’archivio

  • 46meteo Dicembre ha esordito con il sole - Il fine settimana scorso con il passaggio da novembre a dicembre è avvenuto il cambio del mese e di stagione ed anche di annata meteorologica. Nessun ribaltone atmosferico, però novembre ha ritrovato, prima di congedarsi, due ottime giornate asciutte (il 28 e il 29) lasciando a venerdì 30 l’onere di chiudere in veste grigia tardo-autunnale.…
  • 45meteo Non un ‘dente’, ma i fulmini di S. Clemente - L’ultima parte di novembre, che non di rado annuncia l’inverno con assaggi anche consistenti di freddo (“per S. Clemente, l’inverno mette un dente”), ha dispensato più acqua che gelo, soprattutto in occasione dell’avvio del week-end. Mercoledì 21, a seguire il cenno di brina e gelo del primo mattino, è intervenuto un tempo grigio e piovigginoso,…
  • 44meteo Primo freddo alla ribalta. In ritardo - Le preghiere di chi aveva invocato una pausa di tempo migliore, più asciutto e, vista la stagione, anche più freddo sono state ascoltate. In omaggio alle previsioni formulate martedì scorso, un ritorno di condizioni più “in carreggiata” dal punto di vista termico c’è stato: basta osservare la tabella dei dati per rendersi conto che quelle…
  • 43meteo Novembre, grigia e umida “Estate di S. Martino” - Prima e seconda decade di novembre si sono date il cambio al cospetto della solita nuvolaglia, della pioggerella, dell’umidità e del persistente flusso di blande correnti meridionali che hanno reso assai mite, fin qui, novembre. Neppure una grande novità, benché i mesi autunnali siano quelli che si stanno riscaldando meno rispetto agli altri. Se si…
  • 42meteo Novembre, prima metà umida e mite - Il titolo del Taccuino, di solito, ricapitola in una frase quanto accaduto, ma questa volta si azzarda ad anticipare gli eventi, considerato che le previsioni per questa prima parte di novembre indicano il perdurare del ‘traffico’ perturbato per diversi altri giorni ancora. Cessato il forte maltempo di fine ottobre, l’ultimo giorno del mese scorso si…