Meteo

Previsioni valide dal dal 29 gennaio al 4 febbraio 2020

Siamo ormai ben abituati a non avere il freddo nelle fatidiche giornate della merla, cioè negli ultimi tre giorni di gennaio, ed anzi  sempre più facilmente ci godiamo in anticipo il loro canto, quasi a volere annunciare le stagioni primaverili sempre più precoci . Siamo in un anno di quelli, con la prevalenza di correnti temperato umide occidentali, che ci portano un tempo variabile e per nulla freddo, nonostante qualche fiocco di neve riesca a cadere sull’Alto Appennino. Anche i prossimi giorni avremo il passaggio saltuario di fronti nuvolosi poco organizzati e veloci ma comunque in grado di portare scarsa stabilità. Seguite naturalmente gli aggiornamenti su: www.ilcorriereapuano.it e www.meteoapuane.it ,

Mercoledì 29: le nuvole residue su alterneranno ad ampie schiarite soleggiate ma sempre con addensamenti stratiformi pronti ad avvolgere i rilievi. Venti fra Maestrale e Libeccio. Rialzo delle temperature massime.

Giovedì 30:  alle eventuali schiarite notturne nebbiose a fondovalle, farà seguito un cielo poco nuvoloso o nuvoloso per nubi stratiformi talora compatte con qualche piovasco. Venti meridionali deboli. Temperature minime in temporaneo calo. Massime stazionarie.

Venerdì 31: da nuvoloso a molto nuvoloso con piovaschi che tenderanno a farsi più diffusi e localmente consistenti in tarda serata. Vento dal mare in rinforzo. Temperature minime attorno ai 7°C/9°C, massime attorno ai 12°C/13°C.

Sabato 1:  nuvolosità diffusa alternata a schiarite che dovrebbero farsi via via più ampie, grazie a venti più secchi e tiepidi da Nord Ovest. Temperature in aumento.

Domenica 2:  poco nuvoloso o nuvoloso per nubi medio alte e addensamenti di nubi stratiformi sui rilievi. Scarsa la probabilità di precipitazioni. Clima mite sui monti, meno nelle valli per l’inversione termica.

Lunedì 3:  poco nuvoloso o nuvoloso ma con assenza di fenomeni. Venti deboli occidentali,. Temperature sempre miti.

Martedì 4:  possibile incipiente cambio circolatorio per l’arrivo di una perturbazione Nord Atlantica che potrebbe portare un veloce spiffero invernale nelle giornate successivr ( da confermare ).

dati meteo

Giorni della Merla: credenza nata non si sa come

05meteoGennaio, pur lungo, è arrivato alla conclusione e puntuale viene riesumato ogni anno il detto che pretende gli ultimi tre giorni del primo mese dell’anno destinati a far battere i denti e a imbacuccare le persone più di tutti gli altri che compongono l’inverno. La storiella è simpatica (povera merla a parte!), ma fra tutti i detti, proverbi e segni di meteorologia popolare è uno dei più mendaci.
La tradizione è molto antica e nacque, perciò, prima della riforma del calendario (1582), il che farebbe anticipare ai giorni intorno al 20 gennaio il ripetersi di episodi rigidi per un certo periodo di anni intorno a tale data. Solo così si può spiegare la nascita di una convinzione che non trova alcun riscontro in quel che accade ai nostri giorni: l’allora minore durata media della vita e un succedersi di ondate di freddo fra la seconda e la terza decade di gennaio per diversi anni potrebbe avere indotto l’uomo medievale a certi collegamenti?
In effetti, della sorte toccata alla merla bianca divenuta nera per essersi rifugiata in un camino durante una fase di tempo molto severo in un inverno di tanti secoli fa favoleggiano persino autori di spicco della letteratura come Sacchetti e il sommo Dante.
05meteo_tabellaAnalisi dettagliate delle temperature medie giornaliere nelle serie storiche di tanti osservatori meteorologici, d’altro canto, non hanno mai riscontrato un minimo della curva nel trio di giornate sotto esame. Ciò non si verifica neppure controllando l’andamento termico in prossimità del 20 gennaio: è intorno al 10, infatti, che i termometri sono soliti scendere a valori mediamente più bassi.
Questo è vero soprattutto per il Nord Italia e per i climi continentali, mentre man mano che ci si sposta al Sud i giorni più freddi, oltre ad essere più moderati in senso assoluto, si distribuiscono fra gennaio e tutto febbraio. Lo stesso andamento più ‘spalmato’ si riscontra nelle località montane.
Si sono volutamente lasciate solo poche righe per il commento della scorsa settimana: il vento di tramontana, redivivo e bene accolto, si è rimesso a dormire. Dopo qualche notte di brina e il sereno durato solo il 23, non potevano che tornare a spadroneggiare nuvolaglia e foschia, pioviggine e banchi di nebbia, indi libeccio e pioggia. Piccola variazione la tramontana scura del 25 con una parentesi di neve caduta fin sotto i 1000 m nell’angolo NW della Lunigiana.
Per il resto, situazione incommentabile e non competente alla stagione.

a cura di Maurizio Ratti, Mauro Olivieri e Giovan Battista Mazzoni

Archivio

 Consulta l’archivio

  • 04meteo La tramontana, dunque, esiste ancora! - Ormai la tramontana veniva data per dispersa, quando all’improvviso, sabato notte, è arrivata soffiando e gemendo da par suo. Il vento da nord si era distinto finora come il grande assente dell’inverno in corso. Poche e di breve durata le sue apparizioni, il più delle volte come parentesi favonica, tranne la tramontana scura e rigida…
  • 03meteo Gennaio ‘polveraio’… riempie il granaio? - Arrivati a metà gennaio significa essere ormai a metà del cammino invernale per i meteorologi, mentre in termini astronomici non è neppure trascorso un terzo della stagione. Fin qui, dopo il continuo smatteggiare dell’autunno, che fu vera e propria scorreria di perturbazioni, non c’è da lamentarsi di quella che dovrebbe essere la porzione d’annata più…
  • 02meteo Clima freddo nelle valli, mite sui rilievi - Se fino a tre giorni prima di Natale il clima era stato dominato da basse pressioni e piogge frequenti, da ormai più di due settimane è cambiato lo scenario e si procede a suon di gelate notturne, brina, nebbia, sole e atmosfera che trattiene il respiro – tanto è raro che spiri del vento – secondo…
  • 01meteo Brinate natalizie e di fine d’ anno - L’ultima decade di dicembre e dell’ anno volge al termine snocciolando in serie giornate di sole e di calma atmosferica che, come è d’uopo in questa stagione, sono corte, gelide al mattino e subito dopo il tramonto per tutta la sera e la notte successiva. Un bel capovolgimento di fronte dopo il tempo oscuro, piovoso,…
  • 48meteo Vince l’ autunno, almeno fino a Natale - Sarebbe troppo lungo il titolo completo dell’articolo di questa settimana: “breve incursione dell’inverno per due giorni, poi vince l’ autunno … ecc”. La metà di dicembre, in effetti, è stata doppiata ripiombando nell’umidità e nelle correnti umide e temperate – che avevano dominato tutto novembre e l’inizio del mese in corso – dopo un assaggio…