Ancora pioggia sul bagnato

45meteoIl conto della pioggia caduta durante il mese di novembre in vaste aree del Paese ha raggiunto livelli anomali con punte di eccezionalità. Le conseguenze si hanno a portata di occhi e di orecchie tutti i giorni perché rimbalzano da una regione all’altra, pur con una particolare gravità tra Liguria e basso Piemonte oltre che a Venezia. Non si dimentichi che l’impatto delle precipitazioni sul territorio muta anche a seconda dello stato in cui il territorio stesso si trova: più o meno antropizzato, cementificato, più o meno in degrado, soggetto a dissesto idrogeologico ecc. Va da sé che, in tutti quei luoghi in cui l’impronta umana è più pesante da tempo, viene presentato un conto gravoso al verificarsi di periodi perturbati di una certa durata.
La settimana in esame, delimitata dalle tregue di mercoledì 20 e di lunedì 25, ha visto il ritorno a condizioni termiche più miti dopo il relativo freddo di metà mese, durante il quale la neve era scesa in abbondanza sull’Appennino, specie nel suo tratto più occidentale tra Liguria ed Emilia.
45meteo_tabellaTra i residui piovaschi di giovedì 21e quelli di venerdì 22, dovuti all’incipiente, ennesimo peggioramento delle condizioni atmosferiche, tre settimane se ne andavano in archivio senza aver goduto di un solo giorno che potesse essere considerato sereno o poco nuvoloso.
Il sistema frontale del fine settimana – disastroso per diverse province liguri e piemontesi – ha tenuto l’alta Lunigiana per oltre trenta ore, da venerdì sera a domenica notte, sotto una pioggia costante, d’intensità moderata, che ha causato piene non preoccupanti dei torrenti Gordana e Verde.
Nella giornata di sabato 23, la precipitazione non ha avuto la benché minima interruzione, scrosciando da un cielo basso e plumbeo. A sud di Villafranca, nella parte centro-orientale della Lunigiana, la pioggia è scesa ad intervalli e in minore quantità. In area costiera, dove il vento di scirocco ha innalzato le temperature su livelli molto superiori alla norma, è piovuto poco e con lunghe pause.
A Pontremoli, sabato scorso è risultato il giorno più piovoso del 2019: sono stati misurati 133 mm contro i 120 mm caduti il 1° febbraio. Dall’inizio del mese, sono ormai caduti più di 560 mm e il previsto ritocco del totale mercoledì 28 potrebbe sancire il quarto novembre più piovoso da oltre un secolo.

a cura di Maurizio Ratti, Mauro Olivieri e Giovan Battista Mazzoni

Condividi