Tags: Caritas italiana

La metà dei nuovi poveri  è causata dalla pandemia

Pubblicato il Rapporto 2020 su povertà ed esclusione sociale di Caritas italiana I nuovi poveri, effetto collaterale della pandemia, sono italiani, donne, lavoratori autonomi e persone o nuclei familiari in grande difficoltà. Un leggero miglioramento in estate c’è stato ma il futuro si prospetta molto incerto, soprattutto per i minori. Una fotografia della situazione attuale…

Immigrazione: rallenta il ritmo di crescita del numero di stranieri in Italia

Presentato il Rapporto Caritas-Migrantes 2020 “Conoscere per comprendere”  Proprio nei giorni in cui il governo stava mettendo a punto il decreto legge di modifica delle misure in tema di sicurezza varate dal precedente esecutivo giallo-verde, Caritas e Migrantes hanno presentato a Roma il XXIX Rapporto Immigrazione 2020: Conoscere per comprendere. Un titolo, quello scelto quest’anno,…

In Italia la povertà non cresce ma nemmeno diminuisce

In disagio 5 milioni di persone. Gli stranieri in maggiori difficoltà In Italia sono 1,8 milioni le famiglie in povertà assoluta (con un’incidenza pari al 7%), per un totale di 5 milioni di individui (incidenza pari all’8,4%). Questa la stima diffusa a metà giugno dall’Istat relativa al 2018. In sostanza, rispetto al 2017, “la povertà…

Rapporto Caritas. Tanti conflitti non interessano o sono dimenticati dagli italiani

Nel 2017 sono stati in totale 378 con 20 vere e proprie guerre ad elevata intensità. La produzione e il commercio di armi Nel corso del 2017 i conflitti nel mondo sono stati 378, tra cui la maggioranza dimenticati. Di questi, 20 sono guerre ad elevata intensità che coinvolgono 15 Paesi. Negli ultimi anni si…

Nuovi arrivi attraverso i corridoi umanitari

Migranti. L’iniziativa italiana indicata come modello per tutti gli Stati Un invito “ai governi di tutto il mondo, in modo speciale ai Paesi europei, perché seguano l’esempio dell’Italia: la nostra grande speranza è che il programma dei corridoi umanitari sia esteso e rafforzato”. Questo l’appello lanciato nei giorni scorsi ad Addis Abeba da Ato Zeynu…