Rosso sangue come la Ferrari, il libro di Domenico Bertoli

Ci perdoni il grande critico letterario Luigi Russo, se, indegnamente, ci permettiamo di fare un parallelo con la sua celebre recensione a proposito de “I promessi sposi”: infatti, con una geniale intuizione, Russo individuò come vero protagonista del capolavoro manzoniano, non tanti i vari personaggi che si accavallano sulla scena, ma il secolo in cui…



Questo articolo è visibile solo per gli utenti abbonati.
>> Abbonati subito e scopri tutti i vantaggi <<

Condividi