Le indagini di Jessica Palm: presentato il secondo romanzo di Chiara Angella

01FraTango_Chiara_AngellaLa sala dei Sindaci a Pontremoli ha ospitato la presentazione del secondo impegno letterario di Chiara Angella, per tanti ben più nota come soprano a livello internazionale, da qualche tempo entrata nel modo della letteratura con un suo personaggio, ovviamente una cantante lirica, Jessica Palm che, girando il mondo per la sua attività si ritrova a confrontarsi con misteri che, solo grazie alla sua determinazione, riesce a risolvere.
Il libro conferma una verve artistica di cui già si erano avvertite le premesse.“Fra tango, tambores e il tintinnio di un lampadario” cala di nuovo il lettore nel mondo della lirica, questa volta però nella vibrante Montevideo, per svelare i tanti momenti grazie ai quali viene preparato uno spettacolo: un crescendo di esperienze che restano proprio un mistero anche per tanti appassionati.
La presentazione è stata affidata prima a Andrea Baldini, che si è soffermato sul fascino della capitale sudamericana ed i suoi legami con la nostra terra; quindi a Gianni Beschizza, che ha rievocato le trame delle opere – Cavalleria Rusticana e Pagliacci – che fanno da filo conduttore al romanzo.
Infine, Luciano Bertocchi, che si è soffermato sul significato della vicenda, evidenziando il il fascino che il mondo della lirica riesce a proporre anche in occasioni così particolari.
Con grande maestria, Chiara riesce a dipanare una trama coinvolgente ed intrigante, che si chiarisce quasi a sorpresa solo nel momento finale, quando lo spettacolo della prima è in pieno svolgimento, per coinvolgere anche il pubblico presente in un evento in apparenza incomprensibile, ma che, svelato, suscita commozione ed entusiasmo.
Non un semplice gioco letterario, quindi, ma qualcosa di più concreto che regala ad una Pontremoli fin troppo avvezza alle novità narrative qualcosa di particolare: il prodotto di una figlia di questa terra che ha sentito il bisogno di raccontare la sua incredibile esperienza professionale in un modo tutto suo, decisamente coinvolgente. A Chiara l’augurio che la saga possa continuare perché, davvero, leggerla lascia in bocca il gusto di sapere sempre di più e di meglio del mondo che la coinvolge giornalmente.

Condividi