Sui migranti troppi condizionali nelle “conclusioni” del vertice europeo

Bruxelles. L’accordo raggiunto in extremis rischia di mantenere inalterata la “questione migranti” Sui migranti le “conclusioni” del Consiglio europeo di Bruxelles del 28 giugno – definite alle 4 del mattino del giorno seguente – sono state scritte in un linguaggio tanto vago, carico di verbi al condizionale e di espressioni equivocamente interpretabili, da risultare di…



Questo articolo è visibile solo per gli utenti abbonati.
>> Abbonati subito e scopri tutti i vantaggi <<

Condividi

Scrivi un commento