Calcio: punto d’oro meritato per gli azzurri, il Serricciolo sente odore di primato

La Pontremolese si sveglia nella ripresa e mette in luce grinta e volontà che valgono il pari finale. I problemi però restano. Un buon Serricciolo vince in rimonta ed ora insidia la capolista stoppata dal Monsummano. Belle sorprese in Seconda dove vincono, finalmente, Filattierese, Fivizzanese e Monti. L’Atl. Podenzana si ferma sul pari e perde una ghiotta occasione. Passo falso del Monzone che però resta in corsa. Disastro in Terza, col solo Mulazzo che va a segno, mentre per il Vallizeri arriva la prima sconfitta che vale anche la perdita del primato.            

La Fivizzanese vincente con lo Sporting Bozzano
La Fivizzanese vincente con lo Sporting Bozzano

Non è stata una giornata eccezionale perché al solito i motivi di rimpianto avanzano sempre, però possiamo dire che qualcosa di nuovo si è visto che potrebbe essere il preludio per qualche bella sorpresa a venire, esclusa ovviamente la Terza, davvero sotto tono. Una mezza sorpresa, infatti, è venuta dalla Pontremolese che, chiamata ad un primo impegno interno veramente serio, si è proposta in due vesti completamente differenti. Un primo tempo del tutto sotto tono, senza idee e con poco coraggio, tanto che il Fucecchio è andato meritatamente in vantaggio grazie ad un evidente superiorità organizzativa ed una più concreta caratura tecnica. La ripresa è stata però di tutt’altro tono, tanto che il gap denunciato nella prima frazione a livello tecnico si è ridotto all’osso e, sebbene gli ospiti evidenziassero una migliore capacità di costruire gioco, proprio grazie alla volontà e alla determinazione degli azzurri non sono riusciti quasi mai a rendersi pericolosi, per farlo solo su pacchiane ingenuità dei nostri, salvati da un Cacchioli a dir poco superbo. A fare il gioco, infatti sono stati soprattutto gli azzurri che hanno cercato di supplire alle evidenti lacune nella formazione con un marcata intraprendenza che li ha portati in un paio di occasioni vicinissimi al gol che, fortunatamente, ma non solo, è venuto a pochi minuti dalla fine grazie ad un rigore ineccepibile, sul quale un altro arbitro tutto da discutere non ha avuto dubbi, permettendo così a Occhipinti di guadagnare il meritato pareggio. Sospirone di sollievo perché il punticino muove la classifica e permette di guardare al futuro prossimo con tutt’altra apprensione, anche se è evidente che i prossimi impegni, a partire dal più imminente, in quel di Perignano, potranno dirci se questa squadra potrà vivere di sola buona volontà o dovrà di necessità pensare a qualche rinforzo. In più, tornando sullo spinoso problema della qualità, sebbene dobbiamo riconoscere che il livello dei nostri sia sicuramente elevato, è evidente che Bracaloni, al di là della squalifica ineludibile, dovrà lavorare sul gioco di squadra per incutere nei suoi giocatori un assioma imprescindibile, ovvero che il gioco di prima è la soluzione migliore e che perdere palla a centro campo, magari per una scartatina inutile in più, è una forma di ingenuità che potrebbe portare a conseguenze micidiali. Insomma, si è visto del brutto e del bello e, soprattutto, al di là dell’arbitro, che ci ha convinti una volta di più che la categoria è fatta quasi solo di coglioncelli che si fanno turlupinare al primo urletto, indifferenti che il presunto defunto dopo un attimo sia più vispo di prima e perciò gli ride in faccia, anche stando serio, ci siamo divertiti, lasciandoci andare a qualche urlaccio di troppo, per lo meno liberatorio.

I tabellini delle nostre squadre
I tabellini delle nostre squadre

Continua senza soste la marcia del Serricciolo che, per non smentirsi e non smentire il suo passato, prosegue nella striscia positiva, sempre più prossimo a quella vetta che, ormai da alcuni anni, in prossimità del Natale, diventa cosa sua per durare almeno fino all’anno nuovo quando cominceranno i ripensamenti e la spontanea defaillance. Battere il Gorfigliano, comunque, non è stata impresa facile perche i lucchesi si sono proposti con molta determinazione fino ad andare in vantaggio, costringendo così i ragazzi di Bertacchini a tirare fuori le unghie e trovare le due reti che garantivano la realizzazione del programma già steso da tempo. A parte le battute, la squadra c’è ed è davvero concreta; ora bisogna però confermare il buon momento senza farsi tentare da cedimenti di rendimento, perché la classifica è davvero corta e perdere anche solo un passaggio potrebbe significare ripiombare nell’anonimato. Cosa che a Serricciolo amano solo da febbraio in poi! Finalmente dobbiamo prendere atto che anche dalla Seconda cominciano a venire delle buone nuove anche se il solito derby rovina un po’ il panorama. Udite, udite!! Tornano a vincere in maniera quasi eclatante la Filattierese e la Fivizzanese per dare un aspetto alla classifica più confortante almeno nei numeri. I castellani addirittura si permettono di andare a vincere in casa dell’Atl. Carrara da sempre cliente piuttosto difficile specie tra le mura amiche, a dire che forse per la squadra di Neri qualcosa sta maturando, almeno come mentalità. La Fivizzanese, invece, fa solo il suo dovere e vince la battaglia salvezza contro un avversario alla portata. Anche il Monti fa tutto il suo freddando in un derby dai significati importanti un Monzone in pieno spolvero, a dire che la squadra di Della Zoppa non può permettersi di mancare di stupire e per farlo poteva fare sua una partita che valeva l’esserci davvero o il non esserci. Dilemma permettendo! Peccato per l’Atl. Podenzana che trova il pari in rimonta contro un Ricortola rigenerato che riesce a reggere la pressione dei padroni di casa anche dopo essere rimasto in inferiorità numerica. Probabilmente è mancata la convinzione vera di poter riuscire a compiere l’impresa che sarebbe valsa una ben diversa situazione di classifica, ovvero il ritorno in quelle posizioni di vertice godute nella prima parte del torneo. Resta al palo il Barbarasco che, però, prova ad esserci come dimostrato con il Forte dei Marmi, quando, sotto di ben tre reti, ha colto l’attimo di rilassamento dei padroni di casa, decisamente paghi del risultato, ed ha tentato la rimonta fino a sfiorarla e, alla fine, sebbene abbia giocato solo per mezz’ora, quasi meritata. Insomma, qualcosa forse nella squadra di Giorgi si sta muovendo e non è detto che presto dovremo rimangiarci quanto detto fino ad oggi. Se di débacle si può parlare lo possiamo fare quindi solo trattando della Terza, dove in pratica abbiamo raccolto solo tre punti, ma soprattutto abbiamo perso quel primato del Vallizeri che ci stava facendo sognare. Nei fatti, a parte la convincente vittoria del Mulazzo su un Versilia che, comunque, non ha certo reso facile l’impresa ed ha fatto di tutto sino alla fine per andare a punti, il resto è una vera pena. Crolla il Vallizeri di fronte al Massa Montignoso dopo avere illuso che la striscia eccezionale potesse continuare. Invece, trovato il vantaggio, i ragazzi di Centofanti si sono come seduti permettendo ai padroni di casa di ritrovare fiducia e dare un’impostazione completamente diversa alla partita fino a dominarla senza trovare l’ostacolo temuto. Un vero peccato perché così il Cerreto, dilagante a Tirrenia, balza in vetta e riapre le sorti di un torneo tutto ancora da scrivere, ma che avrebbe avuto tutt’altra dimensione se gli zeraschi avessero saputo reggere il confronto non impossibile di Montignoso. Quanto a Fosdinovo, Rangers Soliera e Villafranchese meglio stendere un velo pietoso e tacere altrimenti verrebbe voglia di dare consigli che potrebbero offendere.

Luciano  Bertocchi

Risultati, classifiche e prossimi turni dei campionati locali
Risultati, classifiche e prossimi turni dei campionati locali

Condividi