Le liste elettorali dei tre comuni lunigianesi al voto

Tra conferme e sorprese dell’ultimo minuto, ecco l’elenco dei candidati a sindaco e al ruolo di consiglieri comunali ad Aulla, Mulazzo e Zeri

 

Roberto Valettini o Filippo Coppelli: ad Aulla la scelta è tutta qui

Due liste civiche che derivano dalle espressioni di maggioranza e opposizione degli ultimi cinque anni. Con la variabile dei voti del centrodestra che sembrano non avere “casa”

 

Il sindaco di Aulla Roberto Valettini
Il sindaco di Aulla Roberto Valettini
Primo piano del candidato a sindaco di Aulla, Filippo Coppelli
Il candidato a sindaco di Aulla, Filippo Coppelli

Valettini o Coppelli: il messaggio è chiaro. Gli elettori di Aulla, terzo comune della provincia con i suoi quasi undicimila abitanti, dovranno scegliere a quale di questi due sfidanti affidare la carica di sindaco. Entrambi avvocati, entrambi esponenti di un’area politica precisa, il centrosinistra, sono alle prese con una sfida non facile, una sorta di referendum che sembra essere incentrato soprattutto nel giudicare quanto compiuto nei cinque anni appena conclusi. Da un lato Roberto Valettini, classe 1951, già esponente di spicco del Partito Democratico, già presidente dell’Unione dei Comuni della Lunigiana, con una lunga esperienza politica e che punta con decisione alla riconferma. A sostenere la sua candidatura sono già arrivati ad Aulla esponenti di spicco del PD come il sen. Andrea Marcucci e l’assessore regionale Stefano Baccelli. “Aulla in questi cinque anni si è rimessa in corsa – è stato lo slogan di Valettini nell’incontro seguito alla presentazione della lista – dopo anni di immobilismo è tornata ad essere fulcro della Lunigiana”. Dall’altro un candidato più giovane giovane come Filippo Coppelli, classe 1977, che, pur non essendo alla prima esperienza e pur espressione di quella minoranza che ha seduto sui banchi dell’opposizione nell’ultimo Consiglio Comunale, rappresenta senza dubbio una scelta di novità e di rinnovamento: “il nostro modello è di partecipazione – ha detto Coppelli presentando la lista – nessuno si sentirà indietro, noi vogliamo cambiare il metodo, che diventerà inclusivo e responsabile”. Attorno a lui si sono unite le forze delle due liste che nel 2017 erano state sconfitte da Valettini: la prima, quella guidata da Maria Grazia Lombardi, aveva sfiorato il 29% dei voti; la seconda, con a capo Silvia Magnani, era arrivata quasi al 19%. Il primo cittadino uscente aveva prevalso con il 33%: dunque, nei numeri del passato, le elezioni del 12 giugno anche ad Aulla si presentano aperte a tutti i risultati e ad aggiungere incertezza c’è quel 20% che era andato ad altri tre candidati. Ma soprattutto c’è quell’elettorato politico del centrodestra che sembrerebbe non trovare “casa” nelle due liste, almeno se si guarda ai due contendenti. Una fetta di società locale che può essere anche molto ampia; nelle elezioni per la Camera dei Deputati del marzo 2018, ad esempio, le liste di centrodestra avevano ottenuto il 37%, cioè ben 2.353 voti. La mancanza di una lista civica che sia espressione di quest’area politica rende questo “un territorio di caccia” decisivo; in attesa che esponenti politici di Lega, Forza Italia e FdI chiariscano il motivo di questa scelta di “desistenza” non si può fare a meno di sottolineare che è in questo bacino elettorale che si deciderà la competizione aullese. Anche se a complicare le previsioni va ricordato che ci sarà pure quel 31%, pari a 1.961 voti, che quattro anni fa era andato ai Cinquestelle: voto in gran parte di protesta (come dimostrato a livello nazionale) e che ora, indirizzandosi su uno o sull’altro dei due candidati, potrebbe rappresentare una ulteriore variabile dagli effetti non trascurabili. (p. biss.)

La composizione delle due liste

La lista “Aulla nel Cuore” è a sostegno della candidatura a sindaco di Roberto Valettini e vede aspiranti al Consiglio Comunale Silvia Amorfini, Alessandro Andellini, Tania Brunetti, Andrea Caponi, Roberto Cipriani, Amelia Fiasella, Gabriele Galli, Gabriele Gerini, Alessandro Giovannoni, Marvin Mastrini, Giada Moretti, Monia Piva, Giovanni Schianchi, Katia Tomé, Maria Grazia Tortoriello, Aldo Vivaldi La lista Insieme in Comune, per cambiare è invece quella che punta su Filippo Coppelli nuovo sindaco. Ci sono Silvia Magnani, Maria Grazie Lombardi, Monja Brunelli, Arturo Andrea Demetrio, Matteo Ratti, Fabiana Abate, Valentina Bianchi, Barbara Bongi, Marco Cargiolli, Matteo Gavarini, Ettore Ignorati, Cristina Malatesta, Walter Moretti, Roberto Petacco, Massimiliano Scarascia, Davide Spediacci.

Insanabile la frattura tra Claudio Novoa e Giorgio Santi

Tre liste a Mulazzo. Luisito Caldi terzo nome in campo

Il sindaco di Mulazzo Claudio Novoa
Il sindaco di Mulazzo Claudio Novoa
Giorgio Santi, candidato a sindaco di Mulazzo
Giorgio Santi, candidato a sindaco di Mulazzo
Il candidato sindaco di Mulazzo, Luisito Caldi
Il candidato sindaco di Mulazzo, Luisito Caldi

A Mulazzo la presentazione delle liste ha ampiamente confermato le previsioni della vigilia: tra il sindaco uscente, Claudio Novoa (Italia Viva) e il segretario del PD locale, Giorgio Santi, la frattura non si è sanata e le schermaglie dei primi giorni di campagna elettorale sembrano dimostrare come il solco sia molto profondo, sia sul piano politico che su quello dei rapporti personali. Novoa, 51 anni, dopo dieci anni da primo cittadino è pronto per il terzo mandato ed è sostenuto da una lista che punta sulla continuità pur con alcune novità che sembrano marcare un allargamento del proprio campo politico al centro. “Insieme per il nostro futuro” è composta da Cristian Antoniotti, Lucia Boggi, Francesco Cavicchioli, Emma Elisabetta Cornelli, Pierangelo Genesoni, Giuseppe Guagni, Riccardo Gussoni, Mirco Martinelli, Fabio Pedinotti, Antonio Ferrari Vivaldi. A sfidare Novoa due liste di segno opposto. La prima è “Cambiamo insieme Mulazzo”, risultato del “divorzio” all’interno della maggioranza di Mulazzo e che punta su Giorgio Santi sindaco, giovane segretario comunale del Partito Democratico, assessore uscente, che vede l’impegno in prima persona di Dario Ghironi, Davide Agretto, Dario Balestracci, Claudio Bassignani, Sandro Donati, Elisa Rodi, Sandro Fogola, Letizia Galanti, Enrico Agostinelli, Pablo Righetti. Santi l’ha presentata come una “lista civica che rappresenta varie anime e sensibilità del territorio per poter portare a Mulazzo una ventata di rinnovamento, perché crediamo che con il coinvolgimento della popolazione si possa fare meglio e andare più lontano”. La seconda lista degli sfidanti, “Forza Lega”, è a sostegno di Luisito Caldi, affiancato dai candidati consiglieri Michele Moscatelli, Patrizio Ferri, Marco Calevro, Francesco Grandetti, Elisa Terenzoni, Valter Di Pasquale, Maria Pardu, sembra puntare sull’elettorato di centrodestra e comunque su quella parte che non ha sostenuto le due legislature di Novoa sindaco.

Dopo la rinuncia di Miki Filippelli

A Zeri è Chiara Cavellini la sfidante di Cristian Petacchi

Il sindaco di Zeri Cristian Petacchi
Il sindaco di Zeri Cristian Petacchi
La candidata a sindaco a Zeri, Chiara Cavellini
La candidata a sindaco a Zeri, Chiara Cavellini

Dunque, alla fine, a Zeri non è l’imprenditore Miki Filippelli lo sfidante del sindaco uscente, Cristian Petacchi, bensì la dott.ssa Chiara Cavellini. Il colpo di scena è arrivato alla vigilia della presentazione delle liste, con lo stesso Filippelli che ha comunicato di rinunciare ad una candidatura annunciata nelle settimane precedenti e da tutti data per scontata. L’interessato ha addotto motivazioni di carattere personale legate a nuovi impegni di lavoro unite ad alcuni problemi connessi alla lista in costruzione che non avevano trovato soluzione. La candidatura di Chiara Cavellini è, in qualche misura una sorpresa anche per lei stessa: “Dopo lo stop di Filippelli mi è stato chiesto di portare avanti questo progetto” ha dichiarato ai giornali la giovane donna classe 1986, nata a Rossano che vive a Pontremoli, lavora alla Spezia e poche settimane fa è diventata mamma per la seconda volta. Una sfida non facile che porterà avanti con la lista “Crescere Insieme per Zeri” che vede capolista Simone Vieno con Estelle Balestracci, Andrea Bertolini, Erica Filippi, Ambra Ribetti, Marzo Zoppi, Bruno Giorgi, Alessandro Stefano Morgante, Andrea Vinchesi. L’altra lista civica “Zeri Rinasce” oltre a puntare al secondo mandato del primo cittadino Cristian Petacchi, imprenditore, nato nel 1971 che vive e lavora a Zeri, vede la conferma di buona parte della squadra che lo affiancato in questi primi cinque anni ma anche alcuni volti nuovi. Capolista è il vicesindaco uscente Secondo Novelli con Gino Baratta, Desiré Terzi, Daniela Monali, Sergio Grilli, Barbara Antara, Kevin Nadotti, Marco Schiappacasse, Paolo Valenti e Antonio Borgna.

Share This Post