A Pontremoli Alessandro Volpi parla del Sessantotto – A Succisa un incontro su Donne, Resistenza e Libertà – La tragedia dell’Arandora Star: presentazione di un libro il 3 agosto

A Pontremoli sabato 24 luglio Alessandro Volpi parla del ‘68
Gli anni Sessanta, quelli del Sessantotto, delle lotte sindacali degli operai, del movimento degli studenti, dei rapidi mutamenti del mondo politico, ma anche quelli che videro una importante evoluzione del costume, della cultura artistica e musicale, dei quadri ideologici, delle pratiche religiose. Il tutto nel contesto della Spezia e di altri territori della Lunigiana storica. Se ne parla sabato 24 luglio, alle 17,30 a Pontremoli in piazza della Repubblica, negli spazi esterni del Bar “La Cortina di Cacciaguerra” nell’incontro promosso dall’Istituto Storico della Resistenza Apuana e dalla sezione ANPI di Pontremoli. Interverranno lo storico dell’Università di Pisa, prof. Alessandro Volpi, Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello autori dell’opera in due volumi “Un mondo nuovo, una speranza appena nata. Gli anni Sessanta alla Spezia e in provincia” (edizioni Cinque Terre). L’iniziativa ha il patrocinio del Comune di Pontremoli e della Biblioteca Comunale.

Donne, Resistenza e Libertà: un incontro a Succisa il 31 luglio
La storia locale della Seconda Guerra Mondiale, la memoria di quanti sono stati testimoni di quegli avvenimenti, la testimonianza di chi ha ascoltato i racconti del padre partigiano: sono questi gli ingredienti dell’incontro incentrato sul libro “Pietre di Libertà” in programma a Villavecchia di Succisa nel pomeriggio di sabato 31 luglio. Alle 17,30 con i rappresentanti dell’Anpi di Pontremoli, introdotte da Alessandra Martinelli, si ritroveranno Lucetta Molinari, figlia del comandante partigiano Giuseppe Molinari “Birra”, e Anna Gussoni che, giovanissima, aveva visto l’arrivo in paese dei militi della XMas per l’imboscata ai partigiani del “Picelli” nella quale caddero i patrioti Fermo Ognibene, Isidoro Frigau e Remo Moscatelli. In quel giorno di marzo del 1944 altri partigiani rimasero feriti e furono curati dal parroco di Succisa e da alcune donne del paese che misero a rischio la propria vita. Il cippo eretto nei pressi del paese è stato scelto dai curatori del libro per la copertina e l’incontro sarà l’occasione per rivivere quel giorno e per riflettere su quei mesi.

Quel che abisso tace: la storia della Arandora Star a Pontremoli il 3 agosto
Martedì 3 agosto, alle 17,30, in piazza della Repubblica, sarà presentato il libro “Quel che abisso tace”, romanzo di Maura Maffei – primo classificato al Premio Bormio Contea – sulla tragedia della nave Arandora Star affondata il 2 luglio 1940. A bordo centinaia di emigranti italiani e tedeschi imprigionati dal governo britannico dopo lo scoppio della guerra. Tra le 446 vittime si contarono anche diciotto pontremolesi, partiti molti anni prima da numerose frazioni del territorio comunale. Con l’autrice ne parleranno Maria Serena Balestracci, autrice del primo saggio sul tema; Giuseppe Conti, coordinatore del comitato “Pro vittime Arandora Star”. Conduce Pier Luigi Previ, giornalista di Radio Tele Appennino Parma.

Condividi