Iniziati i lavori per una frana a Casola

Sulla SR445 nella zona la Presa, per uno smottamento del 2017

I lavori in corso in località La Presa a Casola
I lavori in corso in località La Presa a Casola

Tre anni fa, nel novembre 2017, si era avuto un piccolo smottamento verso il fiume nella zona della Presa a Casola. Alcuni sassi erano rotolati lasciando un buco di circa un metro sotto il manto stradale. Il Comune ne ha dato comunicazione alla Regione responsabile della Strada 445 regionale; i tecnici dopo circa sei mesi hanno fatto la valutazione per una riparazione con allargamento del tratto per una somma di circa 445 mila euro, stanziato dalla Regione nei mesi successivi e arrivati sul conto della Provincia agli inizi del 2019; dopo gara d’appalto, espropri, pratiche burocratiche varie, finalmente si arriva oggi all’inizio dei lavori, dati in subappalto dalla ditta vincitrice con sede a Catania in Sicilia. Descritto un iter burocratico, per il quale i cittadini si lamentano a parole, ma poi non vanno a vederne le cause. Il solo passaggio degli atti attraverso l’iter della Provincia è costato circa un anno e mezzo di burocrazia e ci sono ancora politici che vogliono rilanciare l’ente Provincia! Come avviso di inizio lavori la Provincia ha messo, il 7 ottobre scorso, un paio di manifesti praticamente illeggibili sia per i caratteri dello scritto sia per le piogge che ne hanno scolorato in parte le parole. Leggendo con una lente di ingrandimento si può venir a conoscenza che dal 12 ottobre la SR445 presso località la Presa verrà chiusa al traffico, tranne che per i mezzi di trasporto pubblico e ambulanze, dalle 8.30 alle 12 e dalle 13 alle 17.30. Ad oggi nessun’altra indicazione stradale, nessuna cartellonistica. La ditta subappaltatrice, Scamoter srl Since 1978 Lavori stradali Escavazioni, che ha iniziato i lavori, interpellata su queste anomalie, ha risposto che per loro conoscenza saranno messi a breve i cartelli con la opportuna segnaletica. La strada dovrebbe rimanere parzialmente chiusa fino al 31 ottobre.

Corrado Leoni

Condividi