L’ arte e le parole per condividere il senso della vita

La collaborazione dell’artista Monica Michelotti con Phrenhouse

29Monica_MichelottiL’ arte è pura espressione dello spirito umano, che arriva in appoggio soprattutto quando non riusciamo a spiegare completamente con le parole quello che accade nella vita. D’altra parte, però, anche le parole sono fondamentali per riuscire a dare significato al vivere quotidiano.
È in questo alternarsi di immagini e parole che sta il senso della collaborazione con l’artista Monica Michelotti, che già dai tempi del lockdown ha messo a disposizione le sue opere, a corredo dei video della rubrica “Una parola al giorno”, condotta da Chiara Mariotti sul canale YouTube di Phrenhouse, nell’ambito della lettura del vangelo di Giovanni.
Il progetto di lettura e commento dei brani del vangelo di Giovanni proseguirà infatti fino a completare il “libro dei Segni”, cioè i primi 12 capitoli, invece dall’autunno riprenderà con il “libro della Gloria”, mentre l’artista Michelotti ad oggi ha realizzato 60 illustrazioni con la tecnica dell’acquerello e acrilico, che verranno successivamente raccolti in una esposizione personale.
Monica Michelotti si è formata presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara, dove insegna Anatomia Artistica. Pittrice, scultrice, grafica, operatrice di installazioni, la sua attività inizia dagli anni ’80, e ha colto questo progetto con Phrenhouse con favore ed entusiasmo. “Le illustrazioni che ho messo a disposizione – ha detto l’artista – mi hanno messo in gioco, esprimendo la mia unicità attraverso un’arte in ricerca di un nuovo linguaggio, che parli dell’autentico desiderio del cuore, utilizzando i colori dell’arcobaleno per collegare la terra con il cielo. Attraverso questa esperienza ho scoperto che il mondo è stato creato incompleto, mentre con quello che facciamo possiamo a portare a compimento un pezzetto di creazione”.
“Quando realizzo le mie illustrazioni – ha aggiunto Michelotti – mi sento come in missione perché mi voglio prendere cura degli altri, e questo tocca le corde più profonde del mio animo. Attraverso questa esperienza anche la mia vita si è trasformata: Dio infatti riconosce la nostra mano, non abbiamo bisogno di mettere la nostra firma nelle cose che facciamo, e nella lettura del vangelo ci trasforma e ci cambia la vita”.
Un sodalizio nato quasi “per caso” quello con Phrenhouse, già da quando la pandemia cominciava a diffondere i suoi effetti devastanti, come illustra Chiara Mariotti, curatrice della rubrica. “Intendiamo instaurare un dialogo tra i diversi linguaggi espressivi, per un servizio all’uomo contemporaneo, che sia al tempo stesso multidisciplinare, ma non perda di vista l’orientamento verso i grandi temi della vita, con semplicità e mai non con banalità.
Con Phrenhouse, iniziativa nata dalla collaborazione con Alessandro Biancalani e con il supporto tecnico di Simone Giovannella abbiamo costruito una casa dei saperi, dove mettere insieme il pensiero (Phren) con un luogo dove esso trova uno spazio, una casa (House), alla ricerca dei grandi ‘perché’ della vita, dove la bussola è il dialogo con tutti”.
I video de “Una parola al giorno”, assieme alle altre rubriche sono disponibili sul canale YouTube di Phrenhouse.

Share This Post