La scuola in provincia: la situazione è buona ma non mancano i problemi da risolvere

Intervista con la Dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale dott.ssa Donatella Buonriposi

La Dirigente dell'Ufficio scolastico provinciale dott.ssa Donatella Buonriposi
La Dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale dott.ssa Donatella Buonriposi

Periodicamente il nostro giornale si occupa di scuola e in attesa di pubblicare sul prossimo numero i dati delle iscrizioni, abbiamo voluto fare il punto sulla scuola nella nostra Provincia, rivolgendoci alla Dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale (quello che una volta si chiamava Provveditore) dott.ssa Donatella Buonriposi. Ci sia consentito di fare prima un accenno all’esame di stato perchè ancora una volta le nostre previsioni sui primi atti dei Ministri della pubblica istruzione non sono state smentite. Infatti anche l’attuale titolare di viale Trastevere non è sfuggito alla tentazione di riformare l’esame di Stato, correndo il rischio di mettere in difficoltà docenti e studenti per i tempi stretti anziché più distesi che di solito certe riforme richiedono. Inoltre desta fra l’altro qualche perplessità la modalità di avvio del colloquio, con una pratica da quiz alla Mike Bongiorno, che prevede la scelta dell’argomento da parte del candidato mediante la scelta della busta 1 o 2 o 3. Ci auguriamo che gli studenti, in particolare quelli delle nostre scuole lunigianesi, dopo cinque anni di impegno e studio non vengano penalizzati dalle novità che avrebbero richiesto ben altri tempi.

La facciata della sede del “Belmesseri” a Pontremoli
La facciata della sede del “Belmesseri” a Pontremoli, l’istituto è stato al centro dell’attenzione del mondo scolastico (e non solo) con la recente unione con il “Pacinotti”

Venendo alla nostra provincia abbiamo sentito la dott.ssa Buonriposi e durante il colloquio la Dirigente si è soffermata sulla riorganizzazione della rete scolastica, definendo come un primo passaggio positivo sia la nascita di due nuovi istituti comprensivi, Staffetti e Malaspina, a seguito della soppressione della Direzione didattica di Massa, sia la creazione in Lunigiana del nuovo polo tecnico professionale mettendo insieme Pacinotti e Belmesseri, mentre il Da Vinci sarà polo liceale. La dott.ssa Buonriposi afferma che in questo ambito tanto rimane da fare anche tenendo conto del calo demografico che comporterà tra l’altro una necessaria contrazione del numero dei docenti e del personale ATA. Si sofferma poi sul bullismo che definisce fenomeno odioso e purtroppo non ancora debellato per contrastare il quale le scuole della Provincia hanno sottoscritto un protocollo con ASL, Questura, Prefettura, Arma dei Carabinieri, Procura che prevede attività di formazione e la presenza di un tutor in ogni istituzione scolastica. Sottolinea anche la disponibilità dei Carabinieri ad effettuare progetti mirati nelle singole scuole. Per quanto riguarda l’edilizia scolastica esprime soddisfazione per l’impegno della Provincia e del suo Presidente Lorenzetti per i progressi che sono stati fatti. Recentemente sono state ristrutturate due nuove palestre (Toniolo di Massa e Repetti di Carrara) ma rimane il grosso problema dell’Alberghiero di Massa. La Dirigente si mostra fiduciosa di giungere in breve tempo ad una positiva soluzione poichè i fondi per la definitiva sistemazione dovrebbero essere disponibili. Aggiungiamo noi che anche in Lunigiana il Da Vinci e il Belmesseri di Villafranca dispongono ora di un bell’edificio scolastico costruito con criteri antisismici e siamo certi che si opererà con determinazione anche nelle situazioni edilizie che richiedono ancora i necessari interventi. Infine la dott.ssa Buonriposi ci tiene a riferire in merito al prestigioso risultato raggiunto: lo svolgimento dei Giochi sportivi nazionali a Massa che si è qualificata presso il Ministero come realtà idonea per impianti e accoglienza dei numerosi studenti che verranno nella nostra provincia. Per concludere constatiamo che purtroppo non si discute più pubblicamente di scuola e, per quanto ci riguarda, di scuole lunigianesi. In breve tempo lo scenario scolastico potrebbe cambiare, discuterne quando decisioni spiacevoli dovranno essere prese potrebbe essere troppo tardi. A quel punto non ci sarà più neppure la stalla da chiudere quando i buoi fossero scappati.

Fabrizio Rosi

Condividi