L’opera di vicinanza ai malati del volontariato A.V.O.

Dal 9 novembre, al Centro Icaro di Costamala, Licciana Nardi, un corso di formazione

Un gruppo di volontarie dell'AVO
Un gruppo di volontarie dell’AVO

L’A.V.O., Associazione Volontari Ospedalieri, è nata nel 1975 a Milano in risposta al bisogno dei malati di avere vicino persone che, in modo del tutto volontario, si prendono cura dei piccoli problemi legati alla degenza in un ospedale. Questa associazione rappresenta oggi una delle più importanti e riconosciute realtà nel settore del volontariato socio-sanitario ed è presente in tutte le più importanti strutture ospedaliere italiane con 217 sedi riunite nella Federavo. In totale, i volontari che ad essa fanno riferimento sono circa 27.000. Un numero sicuramente significativo, ma che non esclude la necessità di sempre nuove adesioni per dare una risposta alle richieste di assistenza in contunua crescita. Può fare parte di questa associazione chiunque abbia il desiderio di mettere al servizio degli ammalati degenti negli ospedali parte del proprio tempo: nel concreto, due ore alla settimana. L’A.V.O. si propone di intervenire attivamente, all’interno delle strutture ospedaliere, con tre scopi fondamentali: contribuire ad umanizzare la vita nei luoghi di cura; testimoniare la solidarietà della comunità; offrire ai degenti sostegno nella solitudine e nelle difficoltà. Per questo il volontario AVO è accanto all’ammalato e all’anziano e ne accoglie i bisogni di ascolto, compiendo, in modo discreto, tutti quei gesti che possono essere ispirati da un autentico sentimento di solidarietà. Lo scorso 24 ottobre, Giornata nazionale A.V.O., il gruppo di volontari della Lunigiana ha festeggiato la ricorrenza con la celebrazione di SS. Messe nella cappella dell’ospedale di Fivizzano e nel duomo di Pontremoli alle quali hanno partecipato i membri lunigianesi dell’associazione.

Una corsia di ospedale
Una corsia di ospedale

Per favorire l’inserimento di nuovi soci, a partire da venerdì 9 novembre, prenderà il via un corso di formazione che l’A.V.O. Massa Carrara – Lunigiana organizza nei locali del Centro “Icaro”, in località Costamala (Licciana Nardi). Questa prima lezione sarà tenuta da Alessandro Biagi, vicepresidente A.V.O. Toscana Tema, sul tema: “Conoscere l’A.V.O. – Storia, organizzazione, mission”. Seguiranno altri quattro incontri secondo il seguente programma. Lunedì 12 novembre, il dott. Claudio Rasetto, U.F. Cure palliative Lunigiana, tratterà “Il volontariato ospedaliero tra l’assistenza e la rinuncia alle cure del cittadino”. Mercoledì 14 novembre la dott.ssa Anna Lalli, Dir. U.O.S. di Psicologia Clinica Ospedaliera tratterà “Il volontariato tra paziente e istituzioni”. Lunedì 19 novembre, il dott. Luca Fialdini, OPA Massa, parlerà di “Assistenza infermieristica e volontariato ospedaliero”. Infine, giovedì 22 novembre la dott.ssa Paola Pacetti, Dir. U.O.S. Oncologia Lunigiana, interverrà su “La chemioterapia in giardino e i donatori di musica; presentazione degli studi”. Tutti gli incontri iniziano alle 15,30. Per informazioni telefonare a Fernando: 331.4044257; Mariangela 339.7598697; Anna Maria 331.2334689.

Condividi