Tanti i danni per il maltempo

Tre giorni di pioggia intensa hanno messo in forte crisi tutto il territorio. Problematiche alla viabilità e vari danni anche se nessun episodio eclatante

Lunedì 29 ottobre SS. Annunziata, si cerca di stasare i tombini per permettere di accogliere il grande afflusso di acqua (foto Massimo Pasquali)
Lunedì 29 ottobre SS. Annunziata, si cerca di stasare i tombini per permettere di accogliere il grande afflusso di acqua (foto Massimo Pasquali)

Come è facilmente intuibile, questa forte ondata di maltempo ha causato grossi danni in tutto il territorio lunigianese. Pontremoli e Zeri sono risultati i comuni più colpiti anche se non sono mancate problematiche anche nel resto del comprensorio. Due palazzine sono state evacuate sabato sera a Pontremoli, una in via Ruggero Volpi ed una via Garibaldi, a causa di forti infiltrazioni dal tetto, mentre altre quattro famiglie sono state eva31cuate, domenica mattina, nei pressi della SS. Annunziata perchè il fiume Magra incominciava a lambire in maniera preoccupante le abitazioni. Sono stati chiusi, per gran parte della giornata di domenica, i ponti cittadini poi riaperti al traffico dopo che è passato il livello di allarme. Chiusa la strada comunale che collega alla frazione di Molinello a causa di una frana, ed altre frane (anche se piccole) sono state segnalate nella strada provinciale che conduce a Guinadi. A Villafranca sono cadute delle piante nella zona delle Quattro Strade, causando il blocco della circolazione sulla Nazionale sino alla loro rimozione. Allo stesso modo difficoltà di circolazione anche in via Chiusura. Danni sono stati registrati all’impianto sportivo che ospita il circolo di tennis, a causa del forte vento c’è stata la scopertura della tensostruttura che lo riparava. Tra Villafranca e Filattiera c’è stato, per lunghe ore, il blocco della Statale della Cisa a causa della caduta di un albero che non consentivano il passaggio in sicurezza delle autovetture. A Mulazzo chiusa la strada provinciale che collega Pozzo con Madonna del Monte, a causa di piccoli smottamenti. Inoltre molte località, fino alla sera di martedì, sono rimaste senza l’energia elettrica.

Condividi