Due giorni per vivere il “Testarolo Pride”

Sabato 13 e domenica 14 ottobre in dieci ristoranti del territorio

Un testarolo con il classico condimento al pesto.
Un testarolo con il classico condimento al pesto.

Sabato 13 e domenica 14 ottobre si terrà la prima edizione di “Testarolo Pride”, una due giorni in cui nei locali che hanno aderito all’iniziativa si potrà gustare il primo piatto tipico della tradizione culinaria pontremolese proposto con rivisitazioni gastronomiche. I ristoranti coinvolti sono: “L’Oca bianca” in via Cavour, “Osteria della Luna” in via Cocchi, “La Cortina di Cacciaguerra” in piazza della Repubblica, “Osteria San Francesco e il lupo” in piazza San Francesco, “Cà del Moro” a Casa Corvi, “Il Menhir” in via IV Novembre, “Country Club” in via Veterani dello Sport, “La Caverna dei Nani” in via della Bietola, “Caveau del Teatro” nella piazzetta Santa Cristina e “Osteria Bussè 1930” in piazza del Duomo. Per informazioni sui menu e sui costi: www.pontremolitoday.it. Domenica 14 ottobre nel centro storico si svolgerà la Fiera del testarolo. Intanto i responsabili della condotta Slow Food Lunigiana Apuana, invitano i ristoratori a contattare i produttori, o la stessa condotta, per rifornirsi del Testarolo Artigianale Pontremolese, realizzato secondo le modalità previste dal disciplinare.

Ed ecco costi, recapiti e proposte dei vari locali: “Country” (25 euro, 0187.832581): antipasti misti, testarolo pesto e testarolo al “profumo d’autunno”, castagnaccio, amor e torta di mandorle. “Cortina di Cacciaguerra” (20 euro, 0187.830050) antipasti: torta d’erbi, scarpassa, salume e formaggi locale. Tris di testaroli: speck e gorgonzola, crema ciliegina e stracciatella al pesto, crema di zucchine e salmone), testarolo dolce all’alchermes con crema inglese, fragole e cioccolato fondente. “Osteria da Bussè 1930” (24 euro, 0187.831240): antipasto tipico, testaroli della tradizione, testarolo ai ”profumi di mare”, dolce tipico. “Il Menhir” (22 euro, 0187.830948) antipasto di torte pontremolesi, formaggio di alpeggio e miele, testaroli al pesto e testaroli con ragù di porcini e cinghiale, buccellato. “L’osteria della Luna” (22 euro, 0187.833610), antipasto: spalla cotta con giardiniera di verdure, testarolo artigianale con basilico, olio e parmigiano e testarolo gratinato (ricotta e crema di basilico), sfogliatina con crema Amor e frutti di bosco. “Osteria San Francesco e il lupo” (22 euro, 0187.833064), antipasto di torta d’erbi con chips di testaroli e salumi, testarolo alla pontremolese, spaghetti di testaroli alla carbonara e un “testamor” come dolce. “L’Oca bianca” (22 euro, 0187.833219), antipasto con i Sapori di Lunigiana, testaroli al pesto, testaroli con funghi porcini, dolce Brutti ma buoni artigianali con vin santo. “Cà del Moro” (30 euro, 0187.830588), salumi locali con chips di testaroli, spiedini di testaroli al lardo e caciotta locale. Tris di testaroli (pesto, porri e salsiccia, funghi porcini), crespelle di testaroli con ricotta, castagna glassata e miele DOP della Lunigiana. “Caveau del Teatro” (25 euro, 0187.833328) antipasto della Lunigiana (torte, salumi, padleti di castagno con ricotta), testaroli con pesto leggero e testaroli con ricotta del territorio, scaglie di pecorino di Zeri e noci, mousse di ricotta con miele Dop e lamponi. “La Caverna dei Nani” (6 euro, 0187.832202), aperitivo testarolo con Crudo di Parma e stracchino, e una birra.

Condividi