Pronti, come Maria, a servire chi ha bisogno di aiuto

Celebrata sabato in diocesi la XXXII Giornata Mondiale della Gioventù

Giotto_VisitaAnche quest’anno, in concomitanza con la Domenica delle Palme, si è celebrata in tutta la Chiesa la XXXII Giornata Mondiale della Gioventù. “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente” (Lc 1,49) è il tema scelto dal Santo Padre Francesco per questa occasione. Così si è rivolto il Papa ai giovani nella lettera indirizzata loro il 27 febbraio scorso: “Secondo il Vangelo di Luca, dopo aver accolto l’annuncio dell’angelo e aver risposto il suo ‘sì’ alla chiamata a diventare madre del Salvatore, Maria si alza e va in fretta a visitare la cugina Elisabetta, che è al sesto mese di gravidanza (cfr 1,36.39).
Maria è giovanissima; ciò che le è stato annunciato è un dono immenso, ma comporta anche sfide molto grandi; il Signore le ha assicurato la sua presenza e il suo sostegno, ma tante cose sono ancora oscure nella sua mente e nel suo cuore. Eppure Maria non si chiude in casa, non si lascia paralizzare dalla paura o dall’orgoglio.
Maria non è il tipo che per stare bene ha bisogno di un buon divano dove starsene comoda e al sicuro. Non è una giovane-divano! Se serve una mano alla sua anziana cugina, lei non indugia e si mette subito in viaggio. È lungo il percorso per raggiungere la casa di Elisabetta: circa 150 chilometri. Ma la giovane di Nazareth, spinta dallo Spirito Santo, non conosce ostacoli. Sicuramente le giornate di cammino l’hanno aiutata a meditare sull’evento meraviglioso in cui era coinvolta.
Così succede anche a noi quando ci mettiamo in pellegrinaggio: lungo la strada ci tornano alla mente i fatti della vita, e possiamo maturarne il senso e approfondire la nostra vocazione, svelata poi nell’incontro con Dio e nel servizio agli altri”.
Due i momenti di preghiera che l’Ufficio di Pastorale Giovanile della nostra Diocesi di Massa Carrara – Pontremoli ha proposto per vivere sul nostro territorio la GMG. Dal pomeriggio di sabato 8 aprile un gruppo di ragazzi e ragazze si è ritrovato per una intensa due giorni di spiritualità nella casa delle Suore Infermiere (Volpigliano-Massa), che si sono distinte per la loro accoglienza.
Non accade tutti i giorni di vedere un gruppo di una ventina di giovani impegnati nella lectio divina, nell’adorazione eucaristica notturna, nella condivisione della propria fede. La due giorni si è conclusa la domenica pomeriggio con la celebrazione eucaristica. Il sabato sera, nella parrocchia San Pio X a Massa, si è tenuta la tradizionale Veglia delle Palme con la partecipazione di numerosi gruppi giovanili della diocesi, presieduta dal Vescovo Giovanni con don Maurizio Manganelli, da quest’anno nuovo responsabile della pastorale giovanile diocesana. La serata si è aperta con un ringraziamento a don Piero Albanesi, suo predecessore in tale incarico per un decennio.
Alcuni ragazzi del Centro Giovanile di Carrara hanno proposto un racconto dialogato della Visita di Maria ad Elisabetta, poi Giorgio Lazzarotti (scout, parrocchia del Monte – Massa), Silvia Marchini (parrocchia di Bassagrande – Carrara) e Simone Salerno (AC, parrocchia del Casone – Massa) hanno portato la loro testimonianza circa esperienze di fede e di servizio vissute. Ha animato la veglia il coro diretto da Lorenzo Dell’Amico.
È ferma intenzione e desiderio della Pastorale Giovanile diocesana che l’esperienza vissuta in questi due giorni non resti un unicum ma possa proseguire prossimamente con nuove iniziative simili di spiritualità e di comunione tra le varie realtà giovanili presenti in diocesi.

Don Fabio Arduino

Condividi

Scrivi un commento