Lavori allo stadio e alle scuole per rilanciare Bagnone

Prevista la ristrutturazione dell’Auditorium e la realizzazione delle officine al “Pacinotti”. Per il campo sportivo lavori di ristrutturazione da 250 mila euro

Bagnone

Quando si sente parlare di lavoro, nel difficile periodo che stiamo attraversando faticosamente, si accende una lucina nel buio del tunnel. Una luce si è accesa anche a Bagnone capoluogo dove, a breve, saranno appaltati vari lavori. Riqualificazione dell’area situata all’ingresso del paese. Verrà, infatti, rimossa la linea elettrica nel bacino del torrente Bagnone con la realizzazione di una piazzola dotata di postazioni per ricaricare le auto elettriche per un importo di 200mila euro. Nell’elenco delle manutenzioni figurano servizi vari, turismo e scuole. Queste ultime sono sempre state al centro di un’attenzione particolare da parte delle Amministrazioni che si sono succedute nel corso degli anni. Entro l’estate, auspicando che il covid-19 abbia fatto le “valigie” della partenza senza ritorno, Bagnone avrà un look più accurato con maggiori attrattive per gli abitanti e per i turisti che speriamo tornino presto ad ammirare le bellezze variegate del nostro territorio e l’ottima enogastronomia.

Il sindaco di Bagnone Carletto Marconi
Il sindaco di Bagnone Carletto Marconi

Il sindaco Carletto Marconi ed il vicesindaco Daniele Lombardi sono ottimisti: “Le nostre scuole, divenute ormai un vero e proprio campus, in località Grottò, dicono, sono sicure, moderne e alquanto accoglienti. Dobbiamo appaltare la ristrutturazione dell’Auditorium, situato nel plesso che accoglie i bambini dall’infanzia alla terza media, per una spesa di 65mila euro e la realizzazione delle officine indispensabili agli studenti dell’Istituto “Pacinotti”, già in appalto per 1 milione di euro. Non tralasceremo il campo sportivo che verrà dotato di spogliatoi, tappeto erboso con relativi impianti di irrigazione ed illuminazione per un valore di 250mila euro. Il turismo, nelle sue diversificate branchie, sarà opportunamente sviluppato con programmazioni ad hoc. Siamo fieri, infatti, di ospitare, specialmente in estate, persone provenienti da Paesi diversi per cui dobbiamo essere in grado di offrire soggiorni distensivi e, nel contempo, non disgiunti da appuntamenti culturali a partire dalla musica e dall’arte in generale”. Nella “pentola” bagnonese bollono opere importanti che auguriamo abbiano epiloghi desiderati. A vantaggio del bene comune.

Ivana Fornesi

 

Interventi anche per viabilità, pista ciclabile e turismo

Un panorama del castello di Bagnone
Un panorama del castello di Bagnone

Ma ci sono altri progetti al via a Bagnone, tra cui un posto rilevante lo occupa, circa 500mila euro, il ripristino della frana della strada dei Tornini, dove è previsto un intervento di riqualificazione e ammodernamento sul bivacco per un importo di circa 140mila euro, con ulteriori 340mila che verranno investiti sul recupero della viabilità che dalla frazione di Compione permetterà di raggiungere agevolmente il Piazzale dei Tornini. Altri interventi riguarderanno il recupero del percorso storico che da piazza Roma sotto le mura, consentirà di raggiungere la località Piallastra e successivamente il borgo e castello di Bagnone. Intervento che si integrerà con un altro progetto che è la ciclabile del Magra, che salendo dalla zona conosciuta come Centrale permetterà di proseguire sino al Ponte Vecchio e piazza del Teatro, anch’esse meta di importanti iniziative estive. Entrambi gli interventi a totale fondo perduto, avranno un importo complessivo di circa 130mila euro. Nella frazione di Mochignano di Sotto si procederà al recupero dell’antica strada di collegamento con il castello di Bagnone, grazie ad un bando Psr, per un importo di 100mila euro, e sarà possibile recuperare anche l’antico ponte sul Mangiola ed ammirare e bellezze dello stesso torrente, oltreché creare un percorso pedonale e ciclabile di rara bellezza tra boschi e cascate. Sempre in ottica turistica sarà recuperato nella frazione di Corvarola, grazie ad un bando del Gal con un importante contributo di 70mila euro, il percorso attorno alle mura storiche ed uno spazio parcheggio da destinare ai residenti.

Condividi