La difficile vita dei cristiani nella Cina dell’impero mandarino e della rivoluzione comunista

Il rapporto più fecondo tra la Cina e il Cristianesimo fu costruito dal gesuita matematico e geografo Matteo Ricci, sepolto a Pechino nel 1610, che portò il Vangelo in Cina: fu operazione di “intercultura”, di ponte fra due civiltà tanto diverse. Vennero poi conflitti culminati nella guerra dei boxer, il movimento xenofobo contro le potenze…



Questo articolo è visibile solo per gli utenti abbonati.
>> Abbonati subito e scopri tutti i vantaggi <<

Condividi