In Duomo un bel concerto impostato sui contrasti tematici

A Pontremoli protagonista Giulia Biagetti, organista della Cattedrale di Lucca

Giulia Biagetti impegnata nel concerto nel Duomo di Pontremoli
Giulia Biagetti impegnata nel concerto nel Duomo di Pontremoli

Un’ora di grande musica domenica scorsa, 26 luglio, nel Duomo di Pontremoli nel concerto interpretato da Giulia Biagetti organista della Cattedrale di Lucca dal 1981, bravissima esecutrice sui tre manuali e il pedale del poderoso strumento musicale che è l’organo. Il curriculum professionale di questa artista di grande livello è importante e di alta qualità per i concerti che ha tenuto, per le pubblicazioni date alle stampe e per l’attività di insegnamento di organo e canto gregoriano al Conservatorio “Luigi Boccherini” di Lucca. Per il concerto nella concattedrale di Santa Maria Assunta ha scelto un programma giocato sui contrasti luce/tenebre, vita/morte per l’approdo ad emozioni del sacro, del divino.
L’esordio con un delicato brano di Bach ispirato dal passaggio dal tempo terreno alla dimensione del tempo di Dio. Un trio di E. F. Richter della scuola di Bach nell’Ottocento era ispirato alla serenità di cui si fa simbolo Venere “stella mattutina”. Ancora l’organista ha interpretato corali di due allievi di Bach: J.C. Oley e J.Ph. Kinberger uno sul tema della luce del giorno e l’altro sulla Passione di Cristo. In programma anche compositori del Novecento: il tema della luce, delle penombre crepuscolari nella toccata di Carol Wlliams; l’acqua che richiama il Battesimo nel contrasto di Percy Flecther e a conclusione un Inno celtico di H.A. Stamm.
Gli applausi hanno espresso il gradimento del pubblico abbastanza numeroso e ben motivato.
Il secondo appuntamento con i concerti d’organo in Duomo è fissato a domenica 16 agosto, sempre alle ore 21 con il Duo organistico Piergino e Francesco Maurelli che proporranno musiche di Bruhns, Couperin, Bahc, Haendel, Mozart, Lefébure- Wély. I posti a disposizione sono 120. Ingresso libero.

(m.l.s.)

Condividi