Filattiera: l’opposizione all’attacco su Percorso Natura e Francigena

Secondo il consigliere di minoranza Lucchetti i due percorsi sarebbero lasciati all’incuria. La replica della sindaca che non ravvisa particolari problematiche

Un'area del percorso natura a Filattiera
Un’area del percorso natura a Filattiera

Le grandi ricchezze della Lunigiana, lo diciamo ormai da tempo fortunatamente sempre più in buona compagnia, sono senza ombra di dubbio quelle attrazioni culturali e paesaggistiche che possono rappresentare un richiamo ed uno stimolo per la presenza turistica che rappresenta, o dovrebbe rappresentare, uno dei principali vettori di crescita del nostro territorio. Lo sottolinea il consigliere di minoranza di Filattiera, Federico Lucchetti, che in particolare interviene sulla condizione in cui versano due importanti luoghi attrattivi del Comune: il Percorso Natura e il tratto della Via Francigena che passa da Filattiera. Si tratta senza dubbio di due luoghi dal grande fascino: il primo, nato nel 2000 è un percorso ad anello che si sviluppa nella piana che costeggia il fiume Magra. Lì è possibile effettuare camminate, corse ma anche esercizi fisici visto che sono state collocati sul percorso delle apposite attrezzature. Un percorso che era stato completamente ristrutturato nel 2012 dopo che l’alluvione del 25 ottobre 2011 si era portato via circa un centinaio di metri di terreno. Mentre per quanto concerne la Francigena, anche Filattiera vede giungere sempre più pellegrini sulla strada che percorse il vescovo Sigerico oltre un millenio fa.

L'oratorio di Pizzo Mogano, una delle tappe più suggestive della via Francigena nel passaggio nel comune di Filattiera
L’oratorio di Pizzo Mogano, una delle tappe più suggestive della via Francigena nel passaggio nel comune di Filattiera

Secondo Lucchetti la situazione dei percorsi sarebbe assolutamente inadeguata al loro importante compito: “Dispiace vedere come due luoghi che vedono ogni giorno passare centinaia di persone, soprattutto nella stagione estiva, siano lasciati all’incuria e abbandonati al loro destino”. Una situazione che, sottolinea il giovane consigliere, si protrae da tempo senza che vengano posti rimedi: “già in campagna elettorale avevamo portato questa problematica all’attenzione della amministrazione comunale, che fino ad ora non si è adoperata per trovare una soluzione. Abbiamo visto, come, soprattutto in questi ultimi anni, il turismo si sia sviluppato in maniera esponenziale soprattutto nella zona dell’alta Lunigiana di cui il nostro comune fa parte. Ma come possiamo pensare di incrementare e far crescere il settore se lasciamo e abbandoniamo i nostri punti di interesse a queste condizioni?”. Filattiera avrebbe grandi potenzialità, sfruttate solo in parte: “credo sia opportuno da parte della amministrazione comunale un rapido intervento di risistemazione di questi due tratti di percorso per assicurare anche ai cittadini di Filattiera un luogo dove si possa tranquillamente trascorrere un pomeriggio o fare una passeggiata. Sarebbe importante non solo per i filattieresi, ma anche per i turisti, per i quali potremmo essere un approdo facilmente raggiungibile da Pontremoli, che invece si contraddistingue positivamente per la qualità dell’offerta”.

La sindaca di Filattiera Annalisa Folloni
La sindaca di Filattiera Annalisa Folloni.

La risposta della prima cittadina, Annalisa Folloni, non è assolutamente polemica con il consigliere di minoranza anzi “mi fa piacere che si ponga l’attenzione sulla problematica, su cui comunque stiamo lavorando con impegno. E si può e si deve fare sempre di più per valorizzare il territorio”. Anche se, allo stesso tempo evidenzia come “il Percorso natura sia stato pulito recentemente dai volontari della Castagna Bike in occasione della loro manifestazione (il 13 ottobre n.d.r.) e posso assicurare, avendo visionato personalmente il percorso, che era assolutamente idoneo al passaggio di turisti e visitatori. Inoltre il gruppo del Giocatletica provvede alla manutenzione del percorso. Certo, anche visto il maltempo, è inevitabile che lungo il tragitto si possano formare delle pozzanghere ma stiamo parlando di un percorso sterrato in un bosco”. In merito alla questione della Via Francigena la sindaca assicura che “ci confronteremo, in un clima propositivo, con il Cai per chiedere una maggiore tutela del tratto sempre più percorso dai pellegrini. Cai che comunque sta già effettuando un ottimo lavoro”. Perché, ricordiamolo, in base ad un accordo firmato nel giugno scorso in comune a Pontremoli (in qualità di comune capofila dell’aggregazione Nord della Via Francigena), è stata affidato alle sezioni del Cai di Pontremoli e di Fivizzano la responsabilità della manutenzione ordinaria per quello che riguarda i tratti di competenza comunale della Francigena, assegnando ai due gruppi le risorse destinate per questo scopo dalla Regione. (r.s.)

Condividi