Per “Bagnone in salute” effettuati 2.200 esami medici

Grande successo dell’iniziativa nel comune lunigianese

Una delle visite effettuate durante la giornata di “Bagnone in salute”
Una delle visite effettuate durante la giornata di “Bagnone in salute”

Duemiladuecento tra esami, test e screening eseguiti e diverse le patologie riscontrate questo in sintesi il “bilancio” dell’annunciata Giornata regionale di prevenzione “Bagnone…in salute” che si è svolta domenica a Bagnone in ambulatori allestiti nell’Istituto “Pacinotti –Belmesseri” ed in ambulatori mobili inviati dalla Confraternita nazionale delle Misericordie d’Italia. L’evento è stato promosso dalla Venerabile Confraternita di Misericordia di Bagnone d’intesa con il Comune. Molte le persone venute anche da altri comuni della Lunigiana (e non solo) con presenze importanti come quella di Sergio Ballestracci presidente nazionale donatori Fratres o del consigliere regionale Giacomo Bugliani. Direttore sanitario e responsabile scientifico dell’evento la dottoressa Maria Laura Valcelli; per il gruppo specialisti: Francesco Mandorli. Tanti i soldi risparmiati da coloro che debbono pagare il ticket; si pensi che il solo test del capello costa 150 euro ed è stato eseguito, come tutti gli altri esami, test e screening, gratuitamente. “Evento unico questo in Lunigiana – dice il sindaco Carletto Marconi – è la prima volta che si fa in questo vasto comprensorio ed ha avuto un successo senza precedenti. Ciò indica quanto la gente, la nostra gente abbia voglia sempre più di prevenzione ed oggi senza sostituire nessuno abbiamo dato, penso, un sensibile contribuito ad attuarla grazie ai tanti specialisti presenti”. “Grazie a tutti – gli fa eco il governatore della locale Misericordia Antonio Ballestracci – l’evento “Bagnone in salute” dimostra una volta di più quanto la Misericordia sia radicata nella collettività”. “Con oggi ovviamente non diciamo basta ad eventi simili, anzi – dice Gaia Ghinetti assessore alla sanità del Comune – Siamo felici soprattutto per la nostra popolazione”.

Condividi