Fivizzano al centro dell’attenzione, non solo a livello locale

La città è stata ricordata durante le celebrazioni a Roma nel trentesimo anno della caduta del muro di Berlino. A livello più “pratico” si segnalano l’avvio dei lavori di Gaia, i buoni dati turistici, la ristrutturazione della canonica a San Terenzo Monti e l’impegno dei donatori Avis che hanno celebrato la loro festa

Gian Luigi Giannetti il candidato del centrosinistra
Gian Luigi Giannetti il sindaco di Fivizzano

Alcuni recenti eventi hanno posto Fivizzano al centro delle cronache locali, ma, in qualche occasione, anche di quelle nazionali. Il 3 ottobre il sindaco Gianluigi Giannetti, dietro invito dell’ambasciata della Repubblica Federale Tedesca, ha partecipato a Roma alle celebrazioni del trentennale della caduta del muro di Berlino. In una dichiarazione Giannetti ha espresso l’emozione e l’onore che ha provato nel momento in cui l’ambasciatore tedesco in Italia, Viktor Elbling, nel suo intervento, di fronte ad una platea di parlamentari, Ministri, della Sindaca di Roma, di ambasciatori dei paesi del mondo, ha ricordato la commemorazione, a Fivizzano, degli eccidi del 1944 alla presenza del presidente della Repubblica di Germania, Frank Walter Steinmeier e del suo omologo italiano Sergio Mattarella. Si è saputo che Mattarella ha fatto pervenire un ringraziamento scritto ai Dirigenti, al maestro Primo Ceccarelli e a tutti i componenti del Coro Lunigiana per l’accoglienza ricevuta durante quella cerimonia.

OperaiMacchinaGaiaLo stesso Sindaco ha dato anche notizia, con grande soddisfazione, delle opere che Gaia si appresta a fare sugli acquedotti comunali. Riguarderanno la sistemazione dell’acquedotto di Collegnago, la sostituzione delle tubature che servono il capoluogo e la razionalizzazione delle risorse idriche, al fine di garantire una costante erogazione di acqua e di eliminare le dispersioni e le varie criticità. L’investimento è di un milione e mezzo di euro e i lavori, una volta iniziati, saranno conclusi in circa 150 giorni. Anche nel settore turistico le cose sono andate e stanno andando bene. I dati diffusi dalla cooperativa AlterEco di Legambiente parlano di una crescita di presenze del 30% rispetto al 2018. Settori trainanti sono stati le Grotte di Equi Terme, con i percorsi avventura ed e-bike, e le visite turistiche. Nuove attrattive sono in preventivo per il prossimo anno, che vedrà completato il Museo Archeologico della Tecchia, dove saranno ospitati anche i reperti ora conservati a Firenze. Diventerà, così, un Museo di Interesse Regionale.

Un'immagine panoramica di San Terenzo Monti
Un’immagine panoramica di San Terenzo Monti

Il nome di Fivizzano si è sentito anche alla “Fiera Internazionale Cheese” di Sloow Food che si è tenuta a Brà di Cuneo. Lì si sono imposte all’attenzione due filiere collegate all’allevamento della mucca pontremolese, praticato per la produzione di carne da Tonelli Dario a San Terenzo Monti e per quella del formaggio con latte a crudo da Antonio Bongi di Pratolungo. Si dice che questa razza bovina sia stata salvata dall’estinzione grazie al progetto “UE Mediterraneo-Transfrontaliero” della dirigente della vecchia Comunità Montana, dott.ssa Fausta Fabbri. Ora queste mucche sono presenti solo a Fivizzano. Buone nuove anche per San Terenzo Monti, dove sarà ristrutturata, nel rispetto delle sue caratteristiche storiche, la canonica della chiesa parrocchiale più antica della Lunigiana (728). Tra le sue possibili utilizzazioni è prevista quella dell’ospitalità ai pellegrini.

La sede dell'Avis di Fivizzano
La sede dell’Avis di Fivizzano

Ma Fivizzano si propone all’attenzione anche per la sua generosità verso i bisogni del prossimo. Ne sono una testimonianza le Pubbliche Assistenze di Fivizzano e della Valle del Lucido ed, in particolare, l’Avis, che nei primi nove mesi dell’anno ha raccolto ben 2.000 donazioni volontarie. Giustamente tutti i donatori sono stati festeggiati nel giorno a loro dedicato: raduno in piazza De Gasperi, corteo per le strade cittadine per raggiungere la prepositurale e partecipare alla santa Messa. Quindi pranzo a San Paolo, dove si sono tenuti anche i discorsi ufficiali. “Fivizzano è una perla nell’ambito della donazione”, ha detto Anna Baldi, coordinatrice Avis e Fratres regionali. Infine le premiazioni per 16 donazioni (55), per 24 (38), per 50 (28). Dodici persone hanno raggiunto 75 donazioni. Ma il record appartiene a Gianluigi Bondi, Graziano Nanti, Carlo Tedeschi, con ben 120 donazioni. Andreino Fabiani

Condividi