“Settimane della Visitazione” in aiuto delle popolazioni colpite dal terremoto nel 2016

Ad agosto un campo di servizio e formazione per i giovani organizzato dalla diocesi di Ascoli Piceno

19SettimaneDellaVisitazione2019“A due anni dal terremoto che ha colpito il Centro Italia, per l’estate 2019 vogliamo proporre ai giovani un’esperienza forte di formazione e servizio per continuare a rendersi utili”. Si esprime in questi termini don Maurizio Manganelli, direttore della Pastorale Giovanile diocesana, nel presentare le “Settimane della Visitazione”, in programma dal 18 al 25 agosto: una iniziativa offerta dalla Pastorale Giovanile della diocesi di Ascoli Piceno, come possibilità di crescita personale e comunitaria, in cui è possibile dare una mano, riflettere, conoscere altre persone, contribuire.

Ma a chi è rivolta questa esperienza?
“Sono i benvenuti i giovani delle scuole superiori appartenenti a gruppi parrocchiali e non solo, oppure alle associazioni ecclesiali, spiega don Maurizio. Mediante il servizio, la formazione e la vita comunitaria vogliamo continuare a proporre ai giovani un’esperienza di forte crescita umana, spirituale ed ecclesiale. Sarà possibile animare una settimana di centro estivo per i bambini di alcune delle comunità colpite dal sisma oppure svolgere altri servizi di vario tipo come raccolte viveri in collaborazione con la Caritas Diocesana; servizi di ascolto, accompagnamento e animazione per anziani e disabili; collaborazione e lavori manuali in strutture che operano nel sociale e nella disabilità”.

È possibile avere qualche dettaglio per la partecipazione?
“Si dormirà con il sacco a pelo nella palestra della parrocchia S. Antonio di Padova di Villa S. Antonio ad Ascoli Piceno. Il momento della cena alla sera sarà condiviso, tutti insieme, nel teatro parrocchiale, mentre per il pranzo consegneremo a ciascun gruppo un sacchetto contenente pane, affettato, un contorno e il primo fornito direttamente nei luoghi di servizio: eventuali necessità alimentari saranno gestite rispettando le esigenze di ciascun partecipante”.

Ma poi concretamente come funzioneranno le giornate del campo?
“Il programma delle giornate prevede la preghiera del mattino alle 7,45 (la colazione sarà pronta dalle 7); la partenza per i servizi vari alle 8; il rientro intorno alle 17. Il programma delle giornate nei momenti rimanenti prevede momenti di formazione, l’eventuale partecipazione alla S. Messa, alcuni momenti di festa o di preghiera e una uscita “turistica” ad Ascoli Piceno. I servizi vari saranno scelti dai capo gruppo, e saranno realizzati da gruppi di 8/9 ragazzi, che dovranno essere autonomamente muniti di un mezzo di trasporto per raggiungere i luoghi di servizio”.

Per informazioni è possibile contattare don Maurizio al n. 328 2118175.
“Dobbiamo avere il coraggio di essere diversi, di mostrare altri sogni che questo mondo non offre – scrive il Papa nella recente Esortazione apostolica Christus vivit – di testimoniare la bellezza della generosità, del servizio, della purezza, della fortezza, del perdono, della fedeltà alla propria vocazione, della preghiera, della lotta per la giustizia e il bene comune, dell’amore per i poveri, dell’amicizia sociale”. L’iniziativa della Pastorale Giovanile punta decisamente in questa direzione proponendo ai giovani la scelta del servizio e del mettersi a disposizione. (df)

Condividi