Nella Pieve di Sorano a Filattiera la festa della Madonna della Speranza

pieve_SoranoCelebrata con fede e riconoscenza la festa della Madonna della Speranza, nella Pieve millenaria di Sorano. Un appuntamento liturgico di recente istituzione, ma sentito e partecipato. Il titolo con cui è invocata la Madonna è particolarmente bello e necessario poiché tutti abbiamo bisogno di speranza vera in un mondo che naviga a vista. Tale festa è sorta, nella Pieve di Sorano, prima del suo completo restauro e onora una moderna immagine di Maria che sostiene dolcemente il Suo Bambino, nostro unico Salvatore. Collocata nell’abside minore destra, è oggetto di frequente devozione. Durante la Santa Messa delle ore 18, il parroco mons. Antonio, dopo la proclamazione della Parola, si è soffermato sulla figura della Vergine. “Uniti alla Chiesa, veneriamo la Beata Vergine, Madre di Dio e nostra. Sia lode, ha proseguito il celebrante, alla Trinità Santissima che ha scelto un’umile fanciulla perché divenisse Madre di Gesù, autore della vita. Maria ci invita a vivere la fraternità, fondamento e via per la pace, per dare un volto più umano al pianeta che ci accoglie. Dobbiamo superare la cultura dello scarto in quanto figli dell’unico Padre”. Il Coro parrocchiale, guidato dal maestro Pierfrancesco Carnesecca, ha solennizzato la Santa Messa. Al termine processione fra canti e preghiere con il prezioso supporto della Banda musicale locale . Prima di tornare alle nostre case, abbiamo chiesto alla Mamma celeste di accrescere la nostra fede e di aiutarci a cogliere la differenza fra la Speranza cristiana, virtù teologale, e le varie altre speranze, solo umane. (i. f.)

Condividi

Scrivi un commento