Fivizzano: Marco Bertolini, scrittore in erba che si fa apprezzare

Terzo Premio “Giovani” al Concorso “Roberto Micheloni”

La sede del Sambuchi a Fivizzano
La sede del Sambuchi a Fivizzano

“Apriamo gli occhi” è il titolo di un racconto breve – che, però, getta le basi e crea le premesse per diventare un romanzo – del genere thriller, a sfondo socio-politico. Il prestigioso riconoscimento di valore – terzo posto nella sezione “Giovani” – ottenuto al Concorso artistico letterario del cenacolo, patrocinato dai Comuni di Aulla e Portovenere, rende merito all’impegno del suo autore, uno scrittore in erba, alla sua prima esperienza ufficiale in un concorso. Si chiama Marco Bertolini, abita a Monzone Alto e frequenta, con ottimi risultati, la terza classe dell’Istituto Belmesseri, sezione Sambuchi di Fivizzano. La narrazione è ben costruita, prende, è calzante, non dà tregua. Una volta iniziata, la lettura richiede di andare avanti, suscita la curiosità di scoprire cosa succederà, come andrà a finire. È già un segnale di bravura e di capacità creativa; ma degna di segnalazione è anche l’attenzione che viene riservata ad alcune grandi problematiche del mondo attuale. Il linguaggio è chiaro ed espressivo, anche se non sempre rispettoso dei canoni della sintassi tradizionale. Marco, insomma, (che è anche un promettente calciatore, che, formatosi nella Polisportiva Tre Valli, ora gioca nei giovanissimi dell’Aullese ed ha sostenuto un paio di provini a Genova, con la Sampdoria), in un tempo in cui la scrittura è sempre meno utilizzata e i valori sono un po’ sfumati, costituisce un bell’ esempio di giovane serio e dalle idee chiare. A lui l’augurio di un futuro ricco di soddisfazioni! A.F.

Share This Post

Scrivi un commento