I Fratres di Filattiera: una storia di altruismo e testimonianza

Festa Fratres Filattiera - Sergio Balestracci pres. naz. Fratres, sullo sfondo la sindaca Annalisa Folloni
Festa Fratres Filattiera – Sergio Balestracci pres. naz. Fratres, sullo sfondo la sindaca Annalisa Folloni

La sezione Donatori di sangue “Fratres” di Filattiera, nata nell’ormai lontano 1977 con 17 iscritti, è protagonista, unitamente alle altre associazioni di volontariato presenti nel territorio dell’intera nostra vallata (tra cui i confratelli di Bagnone che hanno anch’essi celebrato in questi giorni la loro festa), di un mondo fatto di generosità, altruismo e carità intesi come vicinanza ai fratelli più deboli. “I donatori – afferma con sano orgoglio il presidente Luigi Della Zoppa – sono un valore aggiunto per tutti. Con il loro impegno e la loro coerente testimonianza mantengono desta l’attenzione ed il rispetto per la vita, prima meraviglia”. Nel corso di questi decenni, il numero degli iscritti è andato aumentando, e sono alquanto gradite le nuove iscrizioni che ancora si possono registrare poiché c’è tanto bisogno di sangue. Varie le attività sociali svolte dal Gruppo, fra cui le giornate dedicate agli ospiti dei Centri di Socializzazione lunigianesi. In coincidenza con la solennità dell’Immacolata, il Gruppo si è radunato nella chiesa di Santa Maria per partecipare alla Santa Messa delle 10,30, animata dai canti eseguiti dal Coro parrocchiale, guidato dal maestro Pierfrancesco Carnesecca, sempre attivo e disponibile.

Filattiera - Festa e premi per la 39a giornata del donatore
Festa Fratres Filattiera – un momento delle premiazioni con il padre di Laura Leoncini, la giovane a cui è intitolato il Premio

Il parroco, mons. Antonio Costantino Pietrocola, ha sottolineato il ruolo di Maria nella storia della salvezza e le sue premure verso i bisognosi, a partire dall’aiuto dato alla cugina Elisabetta, incinta in tarda età. “Voi donatori – ha detto il celebrante – vivete il nobile gesto d’amore e di fratellanza senza clamore, ma con il cuore aperto alle necessità di chi vive la sofferenza della malattia”. Al termine del sacro rito , tutti nell’atrio della Scuola Media “Giovanni XXIII” per premiare gli elaborati degli alunni nel ricordo della dolcissima Laura Leoncini, alla cui memoria è dedicata la borsa di studio. Presenti tante autorità, in primis il sindaco Annalisa Folloni, sempre vicina al mondo del volontariato: un patrimonio prezioso da tramandare ai giovani. L’intensa giornata è proseguita in un noto ristorante della zona con il pranzo e le premiazioni dei volontari che anche quest’anno hanno raggiunto un significativo numero di donazioni. A tutti il nostro “grazie” e gli auguri di un prosieguo efficiente, per il bene comune. (i.f.)

Condividi

Scrivi un commento