Siglato un accordo tra Comune di Pontremoli e l’associazione “Il Porto dei piccoli”

è stato recentemente firmato un accordo di collaborazione per dare nuove opportunità e servizi ai bambini con fragilità (e alle loro famiglie) della Lunigiana. Un accordo che vede coinvolto il Comune di Pontremoli e l’associazione il Porto dei piccoli e che è stato firmato dal Sindaco di Pontremoli, Jacopo Ferri e dalla direttrice generale, nonché fondatrice del Porto dei piccoli, Gloria Camurati Leonardi.

L’associazione Il Porto dei piccoli è nata a Genova nel 2005. Attraverso il mare, il gioco e la cultura del porto, l’associazione dona – gratuitamente e quotidianamente – momenti di serenità e svago a tutti i bambini che affrontano la malattia in ospedale, a domicilio o nelle case di accoglienza. Ogni anno “Il Porto dei piccoli” si prende cura quotidianamente di oltre 20 mila ragazzi con fragilità seguiti in tutta Italia, offrendo circa 30 mila ore gratuite di attività multidisciplinari. Il Porto dei piccoli è stata la prima realtà in Italia a puntare sul “child play specialist”, una figura professionale e formata per svolgere nel miglior modo possibile l’attività con i bambini. L’accordo ufficializzerà ulteriormente la collaborazione tra “Il Porto dei piccoli” e il Comune di Pontremoli. Un legame che dal 2019 ha permesso di promuovere attività ludico-didattica (legata alla cultura del mare e del porto) e supporto psicopedagogico a bambini e ragazzi con fragilità. Dagli ospedalizzati presso il Noa di Massa e la pediatria della Spezia, fino alle ragazze dell’Istituto Penale per Minorenni di Pontremoli. Il nuovo accordo permetterà al Porto dei piccoli di diventare sempre di più un punto di riferimento, e di supporto, per tutte le famiglie della Lunigiana che hanno bambini e ragazzi con fragilità. (r.s.)