Seme di Vento: la comunità cristiana incontra gli adolescenti

Giovani e adulti in parrocchia per generare nuovi processi

Il progetto Seme di Vento promosso dalla CEI intende sostenere la comunità cristiana nel dare forma alla propria attenzione verso gli adolescenti, con nuove consapevolezze e nuovi strumenti. Il percorso da intraprendere con gli adolescenti infatti ha bisogno di sincerità e realismo: in realtà c’è un certo affanno intorno alla testimonianza-consegna della fede nelle parrocchie, qualcosa che rende poco liberante l’annuncio del vangelo per le nuove generazioni, senza dubbio accentuato dalle conseguenze sociali che ha comportato la pandemia da Covid.19
La comunità cristiana allora non può accontentarsi di una fede devozionale, timorosa, omologata, avulsa dalla storia e dal territorio, perché la fede è questione di incontro, di dialogo, di spiazzamento, di ardimento, anche di lotta, se necessario. Sono questi alcuni dei motivi che hanno spinto i Vescovi italiani a proporre il progetto “Seme diVento”, nato dalla sinergia tra Ufficio catechistico, Pastorale giovanile e Ufficio famiglia.
Lo ha spiegato bene lo scorso 18 marzo, don Fabio Menicagli, membro della Commissione regionale di “Seme diVento” e direttore del Centro Pastorale “Iniziazione Cristiana” della diocesi di Livorno, nel corso di un incontro che è stato trasmesso anche in diretta streaming dal canale YouTube della Diocesi.
«Gli adolescenti non sono un problema – ha detto don Menicagli – ma una risorsa per la Chiesa, sono persone che hanno bisogno della nostra attenzione e che ci spingono ad attivare dei processi di cambiamento, rifiutando la logica del “si è sempre fatto così”.
Come sottolineato, le parole chiave di questo progetto sono quattro: comunità, genitori, adolescenti ed educatori, dove centrale è la comunità che si prende cura dei soggetti di questo percorso. Allora lavorare in rete, collaborare tra il parroco e i vari organismi, diventa cruciale per rispondere a quell’invito contenuto nella enciclica del Papa Fratelli Tutti secondo cui «nessuno matura né raggiunge la propria pienezza isolandosi, perché l’amore esige una progressiva apertura, maggiore capacità di accogliere gli altri, in un’avventura mai finita che fa convergere tutte le periferie verso un pieno senso di reciproca appartenenza» (FT 95).
Il progetto “Seme diVento” intente essere uno strumento per la formazione, un cammino per gli educatori, una sponda per i genitori e una risorsa per i ragazzi. Il progetto si presenta con uno stile tutto nuovo: infatti oltre al sito www.semedivento.it ricco di spunti e indicazioni, è a disposizione anche un sussidio cartaceo da comporre, dove adulti ed adolescenti camminano assieme, senza ricette preconfezionate, ma in ascolto dello Spirito, nella logica della pastorale integrata. La registrazione dell’incontro è disponibile sul canale YouTube della diocesi, mentre per il sussidio è possibile contattare il Servizio diocesano Pastorale Giovanile. (df)

Share This Post