Calcio: continua il momento no delle nostre. Si salva solo la Gragnolese

La Pontremolese nonostante il cambio dell’allenatore, incappa nella quinta sconfitta conseguiti ed ora la situazione di classifica si va veramente precaria. Attesa per il prossimo turno dal quale si spera possano vedere gli effetti della novità. Brutta prova anche del Serricciolo che perde in casa in un confronto verità. Seconda davvero al palo con la Fivizzanese che non va oltre il pari interno con la Filattierese mentre le altre tre in campo vengono sconfitte. Fermato il Vallizeri dal maltempo, la Gragnolese si permette di battere la capolista Marina di Massa

La rosa della Gragnolese
La rosa della Gragnolese

C’era una volta l’estate di San Martino sulla quale puntavamo per godere degli ultimi tepori d’annata in attesa dei grandi freddi. Adesso, nonostante il tanto vituperato riscaldamento del pianeta, è svanita anche quella e per avere una qualche soddisfazione dovremo attendere ancora qualche mese. Un problema che si sta proponendo anche per il nostro calcio che, di solito, in questa stagione cominciava a mettere in evidenza almeno qualcuna delle nostre impegnata a dare le giuste soddisfazioni ad una tifoseria da sempre convinta di potere guadagnare qualcosa nel corso della stagione. Quest’anno, però, le cose vanno in modo diverso ed il quadro che si sta proponendo è a dir poco disastroso perché in nessuna classifica, almeno dei tornei che fanno più immagine, è presente una delle nostre, anzi andiamo ad occupare tutte le zone a rischio con chiaro odore dei vituperati play out ai quali di solito si comincia a pensare solo a stagione davvero avanzata. Il problema, poi, quest’anno si fa ancora più preoccupante, perché i tornei sono ridotti al minimo ed il quadro retrocessioni non è per nulla mutato e quindi cominciare a preoccuparsi diventa più che naturale. Ci salva, come non succedeva da tempo, solo la Terza dove almeno, nonostante la pattuglia piuttosto sparuta delle partecipanti, riteniamo di potere combattere per ambire a qualcosa, sempre che, col tempo, non tracolli anche quella, Certo stiamo picchiando duro, ma lo facciamo con l’intento di sempre, ovvero andiamo a sperare che le nostre affermazioni provochino quelle reazioni di orgoglio che sono naturali e che possano avere l’effetto che abbiamo nel cuore. Brutta situazione davvero per la Pontremolese che, nonostante la novità della settimana del cambio di allenatore, è incappata nella quinta sconfitta consecutiva che vale ormai una posizione di classifica davvero assurda, almeno per quanto si era venuto profilando in avvio di stagione. Purtroppo la sconfitta non è venuta per caso perché la squadra messa in campo da Signorini non ha certo dato lezioni di calcio, ma ha permesso all’avversario, il Prato 2000, per altro squadra neppure di alta levatura, di imporre il proprio gioco e di portarsi con una certa facilità sul 2 a 0 senza che gli azzurri tentassero almeno una reazione. Quanto accaduto nella ripresa, non è stato certo quello che ci attendeva perché la squadra, se al momento possiamo definirla tale, non ha evidenziato , soprattutto nei reparti arretrati e a centrocampo, quelle qualità che sono indispensabili per dare senso alla volontà di reazione. Quando, in un guizzo di orgoglio, è stato dimezzato lo svantaggio ecco la beffa dell’espulsione di una pedina fondamentale del centrocampo che ha praticamente chiuso i conti di giornata. Ora si guarda con una certa apprensione al prossimo turno che prevede la trasferta in casa del River Pieve che si trova più o meno nelle nostre condizioni e, quindi, si va a sperare che l’effetto del cambio di allenatore trovi il modo di dare il guizzo giusto alla squadra affinché giunga a tornare a muovere la classifica e a puntare con decisione ad una salvezza che è nelle attese di tutti.

I tabellini delle nostre squadre
I tabellini delle nostre squadre

Brutto momento anche per il Serricciolo che, contro ogni previsione, nonostante fosse chiamato ad un impegno davvero difficile, si è fatto sopraffare dal Pietrasanta, proprio quando tutti si attendevano la prova che desse la svolta alla stagione e riportasse gli aullesi a quei livelli di classifica che sono stati quasi naturali nelle ultime stagioni. Invece, nonostante una buona partenza, la squadra di Chelotti, ha pagato la messa in campo di una formazione raffazzonata per i troppi infortuni e gli ospiti hanno saputo approfittare della minore efficacia dei padroni di casa facendo così bottino pieno e lasciando il Serricciolo in una posizione di classifica ormai davvero preoccupante. Quanto alla Seconda, siamo davvero nella più piena costernazione perché ricaviamo due soli punticini, esito del derby tra Fivizzanese e Filattierese che, per altro, proprio per il risultato, rende ancora più pesante il quadro complessivo. I medicei, infatti, erano attesi alla prova d’orgoglio dopo la sconfitta contro il Viareggio, invece hanno rischiato davvero grosso anche in questa occasione perché gli ospiti sono andati vicini al vantaggio in più di un’occasione, a dimostrare che la sventola presa con la perdita della vetta ha lasciato il segno e quindi occorrerà lavorare a fondo per ritrovare quella serenità che metta la Fivizzanese in grado di potere svolgere un ruolo importante in un torneo, in cui sembra restare l’ultima nostra risorsa. Per le altre, infatti, le cose sono andate più che male, anche perché i riscontri non rendono ragione di quanto successo in campo. Soccombe di misura il Monzone in casa del Lido di Camaiore, quando avrebbe meritato di portare a casa almeno un punto, importante per altro per ridare morale ad un ambiente davvero costernato per gli esiti della prima parte del torneo. Senza attenuanti la sconfitta dell’Atl. Podenzana che cede quasi senza offendere al modesto Massarosa e resta bellamente in ultima posizione, a dire che se anche non è stagione, almeno si dovrebbe provare a ritrovare gli entusiasmi del passato. Quasi una beffa invece per il Mulazzo che opposto al Fortis Camaiore nella prima parte della partita si trova sotto di ben due reti, ma la reazione permette ai malaspiniani di recuperare. Quando già si sperava nel risultato utile, che avrebbe rimesso un po’ a posto le cose, la beffa finale che permette ai padroni di casa di fare bottino pieno. Parlare di disastro, quindi, è più che spontaneo perché al momento, esclusa la Fivizzanese che occupa ancora la seconda piazza, le altre sono tutte in fondo alla classifica dove fa buona compagnia il Cerreto che almeno ci salva dell’en plain. Ci resta, quindi, solo la Terza che per lo meno, nonostante i limiti imposti dal maltempo che ha fermato il Vallizeri opposto ad una San Vitale in discreto spolvero, ha portato l’unica vera soddisfazione di giornata, ovvero la bella vittoria della Gragnolese contro la momentanea capoclassifica, il Marina di Massa, fatto che riapre tutti i giochi e rimette in discussione una supremazia che, dopo i primi tre turni, sembrava palese. Invece, al momento i marinelli tengono la vetta, ma sono incalzati da ben cinque squadre, tutte con una partita in meno, che aspettano solo di potersi esprimere per guadagnare la vetta. Nell’insieme, mentre il Fosdinovo dimostra di non essere ancora entrato nel clima del torneo, la Villafranchese va a punti anche con i Giovani della Carrarese giocando un confronto ostico, ma recuperato in rimonta, a dire che la voglia di esserci c’è ancora tutta ed il tempo forse permetterà di godere di altre migliori soddisfazioni.

Luciano Bertocchi

Risultati, classifiche e prossimi turni dei campionati
Risultati, classifiche e prossimi turni dei campionati

Share This Post