Calcio: inizia in salita la nuova avventura della Pontremolese in Eccellenza

Prova modesta degli azzurri che si fanno imbrigliare da uno Zenith Audax Prato meglio organizzato e più ordinato. Il punteggio, comunque, è un po’ severo. Bella rimonta del Serricciolo nel non facile esordio in casa del Corsanico che resta una delle favorite della Prima. Rinviate in Seconda le gare di Monti e Monzone per il COVID, brillante esordio della Fivizzanese che strapazza l’Attuoni Avenza. La Filattierese va a punti a Ricortola, mentre l’Atl. Podenzana cede di misura al Lido di Camaiore e il Mulazzo si fa surclassare in casa dal Viareggio. Il tutto senza spettatori sugli spalti per la nuova emergenza pandemia.

Il Serricciolo
Il Serricciolo agguanta il pareggio alla fine con il Corsanico 

In un modo o nell’altro anche il calcio nostrano è riuscito a partire, sebbene, nel pur ristretto panorama che ormai ci coinvolge, almeno per ora, siano state rinviate due partite di Seconda perché Monti e Monzone sono ancora in quarantena volontaria. Quindi, spettacolo ridotto, ma le sorprese, belle e brutte non sono mancate ed il consuntivo alla fine, se non è dei migliori, ci permette di guardare al futuro con una certa serenità nonostante i troppi dubbi sottintesi alla natura dei tornei così come organizzati. Non comincia sotto i migliori auspici la seconda avventura della Pontremolese in Eccellenza, nonostante le premesse proposte dalle gare di Coppa lasciassero ben sperare, soprattutto in termini di qualità di gioco e, quindi, di competitività. Il riscontro finale che premia per 2 a 0 lo Zenith Audax di Prato lascia forse un po’ d’amaro in bocca in termini di dimensioni, nei fatti però dice che gli ospiti non hanno rubato nulla e che alla fine forse anche un pareggio da parte nostra li avrebbe penalizzati. Il tutto in forza di una gara che la Pontremolese ha condotto a singhiozzo, evidenziando momenti abbastanza felici nella costruzione del gioco ed altri in cui i personalismi penalizzavano il complesso, finendo così per agevolare la manovra avversaria. I pratesi, infatti, sono partiti alla grande e hanno fatto subito capire di disporre di una buona qualità e di un elevato tasso tecnico dovuto alla presenza di pedine di esperienza provenienti da tornei di categoria superiore che, nonostante l’età avanzata, alla fine hanno fatto la differenza. Gli azzurri, infatti, hanno schierato una rosa priva di alcuni elementi fondamentali nello schieramento voluto da Zuccarelli e le lacune hanno pesato soprattutto nel reparto difensivo, tanto che reti degli ospiti sono venute proprio per alcune disattenzioni legate alla scarsa consuetudine dei nostri. Nessun dramma, comunque, perché in complesso la prova non è stata malvagia e, come detto, il punteggio di fatto è apparso penalizzante per quanto effettivamente espresso, tenuto conto che le occasioni da rete per la Pontremolese ci sono state, non concretizzate o per la bravura del portiere ospite o per la scarsa precisione. Certo, restare al palo pesa sul morale, ma non è il caso di crogiolarsi nei rimpianti, semmai occorre guardare avanti pensando al prossimo incontro, a Castelnuovo Garfagnana, dal quale occorrerà pretendere quei punti che sono mancati nell’impegno dell’esordio stagionale.

I tabellini della nostre squadre
I tabellini della nostre squadre

Si salva in extremis, ma con pieno merito, il Serricciolo che riesce ad uscire indenne dalla difficilissima trasferta di Corsanico, opposto ad una delle formazioni del Girone A della Prima categoria che resta tra le favorite alla vittoria finale allo stesso modo degli aullesi. La partita per la squadra di Chelotti si è messa subito su un binario preoccupante perché i padroni di casa alla prima azione utile hanno trovato il vantaggio. Le cose, però, non sono precipitate, anzi gli ospiti hanno tenuto il pallino del gioco riuscendo a pareggiare subito in apertura di ripresa, imponendo ai padroni di casa di rientrare in partita per cercare il successo che, grazie alla imprevista superiorità numerica donata dal Podenzana sono tornati in vantaggio a metà ripresa. Il tono della partita è così salito alle stelle perché il Serricciolo ha cercato in tutti i modi il pareggio mettendo alle strette il Corsanico, sebbene in dieci uomini, e a due minuti dalla fine ha trovato la rete del pari che consacrava un risultato più che giusto e che permette alle due contendenti di proseguire senza affanno nella realizzazione dei rispettivi progetti stagionali. Seconda a ritmi più che alterni, almeno nei riscontri che, rispetto alle attese hanno comunque riservato delle sorprese. Se, infatti, l’attenzione era rivolta alla presa di posizione di tante squadre toscane perché il torneo fosse rinviato a tempi migliori e, soprattutto in attesa, di sviluppi visto il drammatico momento che stiamo vivendo con la pandemia, possiamo dire che i danni del COVID sono stati limitati alla mancata discesa in campo di Monti e Monzone a Carrara e a Massarosa per i casi positivi emersi nel corso delle gare di Coppa Toscana che hanno indotto ad una dovuta cautela, per altro consacrata dalla disposizione, seppure assunta all’ultimo momento, di non permettere l’accesso di spettatori alle partite. Quanto, invece, proposto sul campo dice di una Fivizzanese in grande spolvero, non certo dimentica delle preoccupazioni cresciute negli ultimi tempi, ma in grado di esprimersi al momento di giocare su livelli forse inaspettati, ma certo consolanti perché il divario con l’esordiente Attuoni Avenza è stato abissale ed i quattro gol messi a segno sono una piccola parte di quanto effettivamente espresso. Se il buon giorno si vede dal mattino possiamo dire che davvero i medicei non sono più la sorpresa proposta in Coppa, ma qualcosa di concreto che andrà comunque verificato attentamente in avvenire perché forse gli avenzini non erano il test adeguato per dare risposte certe, ma hanno comunque fatto la loro parte esaltando semmai proprio la forza di padroni di casa. Bene nel panorama anche la Filattierese che è scesa a Ricortola con tutte le riserve del caso in quanto consapevole della variabilità delle prestazioni dei massesi. Con tutta la prudenza necessaria i ragazzi di Secchiari prima trovavano il vantaggio a fine primo tempo, poi, raggiunti su rigore, riuscivano a controllare la furia dei padroni di casa e a portare a casa un punto importante per guardare avanti con l’intenzione di dire la loro come nelle attese. Esce beffato l’Atl Podenzana dal difficile campo di Lido di Camaiore quando era atteso ad un esordio difficile che avrebbe messo in evidenza quali siano le effettive ambizioni della squadra di Angeli. I versiliesi, però, hanno messo subito in chiaro le loro intenzioni e sono partiti alla grande andando in vantaggio in apertura, per bissare, dopo il penalty sbagliato dagli ospiti, in avvio di ripresa, convinti così di avere chiuso definitivamente il conto. Invece, a quel punto sono usciti i malaspiniani che, a metà ripresa, accorciavano le distanze senza però riuscire a rimontare nonostante i numerosi tentativi fatti, costretti perciò a recriminare sulla ghiotta occasione sprecata nel primo tempo. Esordio amaro anche per il Mulazzo che rientra in Seconda con una sconfitta senza attenuanti dovuta chiaramente alla evidente superiorità del Viareggio che ha controllato senza grossi problemi il confronto, anche se, senza dubbio, il risultato finale è troppo penalizzante e non dice quanto di buono sono riusciti ad esprimere i ragazzi di Giovannacci cui avanza solo di rientrare nella mentalità di un torneo impegnativo cui occorrerà riservare tutte le risorse disponibili.

Luciano  Bertocchi

Risultati, classifiche e prossimi turni dei campionati locali
Risultati, classifiche e prossimi turni dei campionati locali

Condividi