I pontremolesi Bertoni vincitori del Trofeo Milano 2019

Il momento della premiazione Giovanni e Riccardo Bertoni
Il momento della premiazione Giovanni e Riccardo Bertoni

Novantaquattro auto storiche e quaranta moto storiche coreograficamente schierate nel Cortile del Cannone del Castello Sforzesco di Milano per accogliere Giovanni e Riccardo Bertoni, vincitori del Trofeo Milano 2019 con la Alpine Renault A110 1600 S del 1970! Giovanni, socio della Sezione “Renato e Quinto Mascagna” di Pontremoli, pilota, ed il figlio Riccardo, navigatore, si sono aggiudicati l’edizione 2019 del Trofeo Milano, l’evento clou della stagione motoristica del Club Milanese Automotoveicoli d’Epoca (CMAE), che sabato pomeriggio 5 ottobre è stato protagonista al Castello Sforzesco insieme alle auto e moto dei soci, con una sfilata che ha animato la Piazza d’Armi e attirato centinaia di curiosi e appassionati. Giovanni e Riccardo Bertoni, grazie a una penalità totale inferiore rispetto a quella degli altri 93 concorrenti, si sono distinti al volante della loro grintosa Alpine Renault A110 1600 S del 1970. Il punteggio è stato il risultato delle prove di regolarità e abilità che i partecipanti hanno affrontato lungo il tragitto nel corso della giornata: dall’Aeroporto Militare di Linate, dove per la prima volta è stata concessa in uso da SEA la pista di decollo degli aerei privati per le prove auto, fino a Cassano d’Adda e di ritorno a Milano, con un caloroso pit stop nel centro di Trezzo. All’evento, che ogni anno riunisce oltre cento veicoli storici nel cuore di Milano – quest’ultima edizione ha visto al via 94 auto ante 1970 e 39 motociclette costruite tra il 1912 e il 1967 – Giovanni e Riccardo Bertoni si sono aggiudicati l’ambito premio affidato di mano in mano al vincitore di ogni edizione: un vero fiocco terminale di una guglia del Duomo, simbolo di tradizione e della città dove è nato e ha sede il CMAE, club più antico d’Italia consegnato dal neo eletto presidente dell’ ASI Alberto Scuro, ed un prezioso orologio messo a disposizione dallo sponsor della manifestazione.

Condividi