Premio “Ponte Vecchio” anche a 2 amministratori lunigianesi

A Firenze il riconoscimento a Lucia Baracchini e Matteo Marginesi 

Il momento della premiazione di Matteo Marginesi (l'ultimo a destra)
Il momento della premiazione di Matteo Marginesi (l’ultimo a destra)

Giovedì 27 giugno nella splendida cornice del piazzale Michelangelo a Firenze si è svolta la V edizione del Premio “Ponte Vecchio” istituito dall’Associazione Toscana Cultura. Riconoscimento prestigioso riservato a personaggi di spessore nel mondo della cultura nelle sue sfaccettature: dall’arte alla musica, dallo sport al giornalismo, dall’imprenditoria alle istituzioni. Tanti i personaggi di spicco, fra cui Massimo Ghini, Giancarlo Antognoni, Gianni De Magistris, e tanti altri. Con piacere apprendiamo che anche la Lunigiana è stata ben rappresentata visto che nella rosa dei premiati figurano il sindaco di Pontremoli Lucia Baracchini e il presidente del Consiglio comunale di Bagnone Matteo Marginesi (nella foto l’ultimo a destra). A far conoscere l’impegno a vantaggio della cultura locale dei due nostri amministratori ci ha pensato Eraldo Vinciguerra. Nativo di Merizzo di Villafranca, “emigrato” a Genova dove, distinguendosi per competenza, è divenuto dirigente Enel, mai si è staccato dalle origini che rimangono la sua “bandiera” più bella e cara. Studioso dei liguri apuani, popolazione dell’Italia preromana che viveva anche sul nostro Appennino, Vinciguerra segue come “figlio devoto” tutto ciò che riguarda la divulgazione della cultura di casa nostra. “Sono orgoglioso di questo riconoscimento andato ad un mio amministratore, ha asserito il sindaco di Bagnone Carletto Marconi. La cultura è la gente, il paesaggio, le tradizioni, la storia. Il futuro dei nostri comuni deve trovare in essa il volano aperto e dialogante per lo sviluppo ad ampio raggio”. La significativa serata è stata organizzata in stretta collaborazione con il mensile “La Toscana Nuova” e la presidente di “Toscana Cultura” Lucia Raveggi. i.f.

Condividi