Presentato il percorso della “Ciclovia dei Castelli”

Cinque comuni consorziati per il percorso cicloturistico lungo il Magra

Un momento della presentazione della Ciclovia "Castelli del Magra"
Un momento della presentazione della Ciclovia “Castelli del Magra”

Uniti per valorizzare il territorio andando oltre i campanilismi e le logiche politiche. Queste sono state le parole d’ordine dell’incontro, che si è tenuto venerdì scorso alle Stanze del Teatro della Rosa di Pontremoli, nel corso del quale si sono tracciati i contorni del progetto la “Ciclovia dei Castelli”, ovvero un percorso cicloturistico ad anello sulle sponde del Magra che tocca i comuni di Pontremoli, Filattiera, Bagnone, Villafranca e Mulazzo. Un progetto finanziato con 500mila euro ottenuti partecipando al bando di gara del Gal Lunigiana per l’accesso ai fondi regionali per lo sviluppo rurale della Toscana. Erano schierati i rappresentanti dei cinque comuni per raccontare il progetto che prevede un percorso di quasi 47 km (46,681 per la precisione) di cui circa 29 su asfalto, poco più di 2 su selciato e 15 km su sterrato. Un progetto che, hanno evidenziato, “non è la fine di un percorso ma, se vogliamo, l’inizio. Perché questa è la base su cui continuare ad intervenire per migliorare. Comunque è il primo passo per creare un percorso, adatto alle famiglie, che possa attrarre questa tipologia di turista, sempre più in crescita”. Uno degli obiettivi principali è quello di far sì che, completato il progetto, la ciclovia sia del tutto indipendente dalla statale della Cisa. A ciò si arriverà in un secondo momento perché in una prima fase le due vie, seppure per brevi tratti, si sovrapporranno. Ma torniamo alla presentazione, che è stata collettiva e allo stesso tempo singola, perché ognuno dei cinque ha raccontato il tratto di percorso relativo al proprio comune.

Un momento della presentazione della Ciclovia "Castelli del Magra" con il sindaco Lucia Baracchini
Un momento della presentazione della Ciclovia “Castelli del Magra” con il sindaco Lucia Baracchini

Così è stato per Gianluca Crocetti, delegato del comune di Pontremoli al progetto “Pontremoli all bike”, che ha aperto l’incontro anche in virtù del ruolo di “capofila” che il suo comune ha nell’ambito del progetto; poi sono intervenuti il vicesindaco di Filattiera, Giovanni Longinotti, e gli assessori di Bagnone, Daniele Lombardi, di Villafranca, Loris Bernardi e di Mulazzo, Giorgio Santi, cui è spettato il compito di “chiudere” l’anello del percorso. Un anello che, simbolicamente, ha il suo punto di partenza dal ponte della Crësa, risale per la strada dei Chiosi, passa davanti a Villa Dosi, sale fino al Castello e poi attraversa tutto il centro storico sino a San Pietro, passa per la SS. Annunziata (e qui si ipotizza una prima futura variante con la creazione di un percorso nella ex Cementi) e arriva infine al Comune di Filattiera, dove, in località Pala riprende un tratto della Francigena. Si raggiunge quindi Scorcetoli, si attraversa il borgo di Ponticello e, giunti a Migliarina, si attraversa la strada statale per entrare nella “Piana di Filattiera”, con il tracciato che continua sul “percorso natura”, costeggiando il fiume Magra e con un breve passaggio per Bagnone prima di arrivare nel territorio di Villafranca. Qui si fiancheggiano le frazioni di Malgrate e Mocrone prima di entrare nel borgo medievale per poi scendere e ritornare a Villafranca dove la ciclovia continua percorrendo l’antico ponte sul torrente Bagnone, attraversa tutto il borgo vecchio per poi raggiungere l’area naturale fluviale presso la confluenza del Bagnone con il fiume Magra. Si passa infine al comune di Mulazzo all’altezza del ponte Magra, si costeggia il fiume ricalcando il percorso ciclabile della Francigena e si rientra a Pontremoli, continuando sul percorso fluviale sino al ricongiungimento al ponte della Cresa. “I risultati tangibili della sinergia che ha caratterizzato il processo di presentazione del progetto sono indicativi di quanto sia sentita in Lunigiana l’esigenza di crescere attraverso l’unione delle diverse forze e quanto stia crescendo la consapevolezza di ciò che può rendere il territorio ancora più attraente – ha commentato il Sindaco di Pontremoli Lucia Baracchini -. Strade sicure per una mobilità che può permettere di conoscere e fare esperienza divertendosi in sicurezza, favorendo la diffusione di sempre nuove sinergie tese alla crescita della nostra realtà diffusa”. Un’iniziativa che permetterà a tutti i tipi di utenti di poter accedere a questo interessante progetto, garantendo altresì di poter fruire delle bellezze naturalistiche e storiche dell’intero territorio. (r.s.)

I numeri del percorso…

Il percorso della ciclovia visto con Google Earth
Il percorso della ciclovia visto con Google Earth

I numeri del percorso nei singoli comuni. Pontremoli 11,306 km (7,962 asfalto, 1,337 selciato, 2,007 sterrato), Filattiera 10,246 km (5,412 asfalto, 0,150 selciato, 4,684 sterrato), Bagnone 5,353 km (3.725 asfalto, 0,306 selciato, 1,332 sterrato), Villafranca 9,182 km (7,544 asfalto, 0,472 selciato, 1,166 sterrato), Mulazzo 10,594 km (4,621 asfalto, 0 selciato, 5,973 sterrato).

Condividi