L’Unità pastorale di Mulazzo accoglie don Marco Giuntini

Sarà coadiuvato da don Stefano Pappalardo. Sabato 9 marzo – a tre mesi dalla scomparsa di don Sergio Biasini – la cerimonia di ingresso del nuovo parroco sarà presieduta dal Vescovo Giovanni

La facciata della chiesa parrocchiale ad Arpiola di Mulazzo
La facciata della chiesa parrocchiale ad Arpiola di Mulazzo

Ad Arpiola di Mulazzo fervono i preparativi per il solenne ingresso – previsto per sabato 9 marzo, alle 16, nella chiesa parrocchiale – del nuovo parroco dell’Unità pastorale, don Marco Giuntini, e del vicario parrocchiale don Stefano Pappalardo. Entrambi sono sacerdoti diocesani membri dell’associazione clericale “Opus Mariae Matris Ecclesiae” che ha sede a Filetto di Villafranca in Lunigiana.
La nomina del nuovo parroco da parte del vescovo diocesano, mons. Giovanni Santucci, che presiederà la cerimonia di sabato, è giunta a circa tre mesi dalla scomparsa di don Sergio Biasini, pastore per ben quasi trent’anni dell’Unità pastorale che comprende, oltre alle parrocchie del capoluogo e di Arpiola, quelle delle frazioni di Canossa, Castevoli, Gavedo, Groppoli, Lusuolo, Madonna del Monte, Montereggio, Parana e di Teglia (nel comune di Pontremoli).
Dopo il saluto di benvenuto nei pressi della canonica, seguirà il rito d’insediamento con i vari “segni” che caratterizzano la liturgia in queste occasioni: la lettura del Decreto di nomina, l’aspersione con l’acqua benedetta, l’incensazione dell’altare, la consegna del libro dei Vangeli e la presa di possesso della sede. Seguirà la solenne Concelebrazione Eucaristica.
Al termine un membro del Consiglio pastorale e il sindaco rivolgeranno un saluto al nuovo parroco. Terminata la funzione ci sarà un momento di condivisione nel salone parrocchiale. Tutta la cittadinanza del Mulazzese è invitata a partecipare a questo giorno solenne di festa per l’intera comunità cristiana, che si appresta ad iniziare un nuovo cammino con il suo nuovo pastore don Marco e il suo vicario don Stefano.
Auguri di un buon lavoro pastorale e che il Signore, assieme a Maria Santissima e ai nostri Santi patroni, li accompagnino sempre e li guidino sulla Via del Vangelo.

Condividi