Calcio: la Pontremolese vince in trasferta e la Fivizzanese torna in vetta

Gli azzurri confermano la loro supremazia in campo esterno ed espugnano Montespertoli. Il Serricciolo non va oltre il pari interno ma resta in corsa. Una bella Fivizzanese ritrova la vetta anche grazie al Monzone che stoppa la capolista. Un bel Mulazzo strapazza l’Atl. Podenzana ed entra nella zona calda. Pari vivace tra Monti e Filattierese. Terza sempre più anonima con il Barbarasco che si fa rimontare dal ValliZeri in pieno recupero e rallenta, mentre il Fosdinovo fa suo il derby con la Palleronese.

La squadra della Fivizzanese
La squadra della Fivizzanese. Con il successo con il Ricortola riagguanta la testa della classifica a pari merito con il Corsanico 

Non c’è che dire! Se volevano una conferma della disponibilità alle trasferte da parte della Pontremolese, la prova offerta a Montespertoli ce l’ha data in maniera inconfutabile. Bandendo, infatti, da ipotetici pronostici che facevano il turno piuttosto difficile, gli azzurri hanno piazzato il quarto acuto consecutivo in campo esterno togliendo ogni dubbio sulla propria vocazione che, certo, non è una novità assoluta, visto che negli ultimi anni ha sempre trovato il dovuto credito, ma mai come quest’anno. Quindi, ancora solidamente in vetta in solitaria, con Viaccia e Lampo che tengono il passo, mentre Larcianese e Villa Basilica rallentano per aprire a prospettive di tutto interesse per il futuro. Se dicessimo che sia stata una sorpresa di certo mentiremmo perché i segnali, come evidente, c’erano già stati e la squadra aveva messo in chiaro, dopo le incertezze interne dell’avvio, che i problemi più incisivi erano in fase di risoluzione e che, nonostante la strada sia ancora lunga e le prospettive tutte da inventare, le basi per qualcosa di concreto sembrano esserci tutte. Domenica, infatti, dopo un avvio incerto, le cose si sono messe al meglio con il guizzo improvviso di Occhipinti che si conferma spillo tutta punta. E, anche quando i padroni di casa hanno messo in campo la giusta determinazione per rimediare al momentaneo imbarazzo, tanto da riuscire a trovare il pari prima della fine della prima frazione di gioco, le cose non sono cambiate di molto e la squadra ha dimostrato tutta la sua solidità, prima evitando di capitolare opponendosi alla grande all’inevitabile entusiasmo dei fiorentini, quindi, fatti sbollire gli ardori, a metà della ripresa ha inferto la botta definitiva che, in pratica, ha chiuso i conti. Il Montespertoli, infatti, aveva speso molto per inseguire prima e tentare di fare bottino pieno poi. Di fronte al nuovo svantaggio, pur provandoci, ha dovuto cedere le armi lasciando alla Pontremolese la possibilità di confermare il proprio primato, a questo punto ampiamente meritato. Certo, siamo solo alla settima giornata e manca ancora quella conferma casalinga che farebbe cominciare a credere che possa essere la stagione giusta per qualcosa di importante. Allora, anche il prossimo impegno con il Tempio Chiazzano, che finora certo non ha brillato, diventa un test di maturità tutto da considerare perché, a volte, sono proprio le partite sulla carta più facili a rivelare i problemi più importanti; quindi, lancia in resta e morale alle stelle, indifferenti alla caratura dell’avversario per proseguire un percorso che potrebbe nel breve caricarsi di entusiasmo.

I tabellini
I tabellini

Mezzo passo falso del Serricciolo nella rincorsa verso la vetta, ma certo il pareggio finale non lascia particolari rimpianti, intanto perché l’avversario di turno, il Capezzano Pianore, non era certo cliente da prendere alla leggera viste le performances fatte in trasferta e poi perché Mister Bertacchini aveva dovuto mettere rimedio ad una situazione di organico abbastanza delicata che poteva lasciare aperti parecchi interrogativi proprio per l’importanza e la delicatezza del confronto. Quindi, al momento nessun problema, perché i punti messi in carniere sono già tanti e i nuovi equilibri raggiunti abbastanza rassicuranti, lasciando così aperta la possibilità che nei prossimi turni il torneo possa essere letto anche in un’altra chiave, ovvero che la capolista cominci a trovare avversari della stessa caratura di quelli del Serricciolo per dire se davvero potrà pretendere di mettere da subito la parola fine sul torneo, che resta ancora lungo. Problema questo ancora del tutto aperto in Seconda dove, una giornata dopo l’altra, le cose propongono una lettura diversa e quindi non solo piena di colpi di scena ma anche di sorprese importanti. Intanto, andiamo a prendere atto che la Fivizzanese, dopo avere ridimensionato il Ricortola, ha avuto l’opportunità di ritrovarsi in vetta per una serie di fattori tra i quali spicca l’impresa concreta del Monzone che è andato a frenare la corsa del Corsanico, imponendogli un pari in bianco in casa sua che, alla fine, sta più stretto agli ospiti che non ai padroni di casa. Lo scoop inoltre è stato possibile perché il Romagnano ha avuto la forza e lo spirito giusto per frenare la corsa dello Sporting Pietrasanta che, alla prima sconfitta, si trova bellamente ad inseguire, con la nuova consapevolezza che le cose non sono facili come parso fino ad oggi, ma le sorprese possono sempre essere dietro l’angolo. Dal nostro punto di vista, bella impresa del Mulazzo che strapazza oltre il dovuto l’Atl. Podenzana ed entra con pieno merito nel gotha del torneo, a dire che la squadra sta trovando finalmente la propria caratura ed è ormai in grado di tentare di recitare un ruolo di un qualche interesse nel torneo. Cosa che, invece, non è riuscita per la seconda volta al Monti che, dopo avere rimontato alla grande la Filattierese che aveva provato a pungere subito, tanto per fare capire che forse le cose erano cambiate (a partire dal ritorno del mister Cassiani) ha subito nel finale il perentorio ritorno degli ospiti che con un colpo di mano, sono riusciti a strappare un punto in pieno recupero, segno di una nuova ed importante mentalità che potrebbe essere il primo passo verso una rigenerazione di qualità dei gialloverdi. Insomma, non siamo certo di fronte ad una situazione ben definita, ma sta emergendo sempre più che le cose si devono ancora sistemare sotto tanti aspetti, non ultimo quello di potere trovare al più presto un lotto di protagoniste che andranno a mettere il segno sul torneo. Per quanto ci riguarda, siamo convinti che le nostre riusciranno ad uscire allo scoperto in maniera ancora più massiccia, dandoci spazio per credere che potrebbe essere la stagione buona per cogliere finalmente qualcosa di importante. Quanto alla Terza, invece, il sogno sembra destinato a restare nel cassetto perché davvero finora le nostre sono rimaste nell’ombra e nessuna ha avuto la forza per dimostrare di poter essere inserita nel lotto delle papabili. Certo, il turno appena consumato non era favorevole perché le nostre se la sono vista in due derby che non potevano certo portare frutti importanti. Da un lato, infatti, il Barbarasco, che sembrava il più attrezzato del lotto, ha dominato per un lungo frangente il ValliZeri illudendosi però che la questione fosse risolta con il doppio vantaggio. I valligiani, invece, hanno tirato fuori le unghie al momento giusto ed hanno risalito la china per portare a casa un punto che in apparenza vale poco ma, in termini di morale, sembra fondamentale. Trova, invece la prima vittoria, il Fosdinovo purtroppo a spese della Palleronese e ora entrambe arrancano in fondo alla classifica speranzose che qualcosa possa cambiare per dare un’altra impronta alla loro partecipazione. Finora i segnali sono stati davvero pochi, però siamo solo alla partenza e di certo qualcosa vedremo cambiare.

Luciano Bertocchi 

Risultati, classifiche e prossimi turni
Risultati, classifiche e prossimi turni

Condividi