In tanti a Villafranca, “Zù p’re l’borgh”

Nello scorso fine settimana si è svolta la terza edizione dell’iniziativa

28villafranca1Per il terzo anno consecutivo a Villafranca si è svolta l’iniziativa “Zù p’re l’borgh” voluta dall’assessore Loris Bernardi. Sabato e domenica scorsi dalle 18 alle 24, il borgo, come se si fosse aperto il baule della storia, si è trasformato in un palcoscenico naturale per un assaggio di Medioevo.
“Per fortuna la Lunigiana offre, ai visitatori, una varietà di paesaggi dominati dal profilo alto e severo di cento e più castelli, di pievi romaniche, di borghi murati. Spetta, primariamente, a noi amministratori rivitalizzare cotanta ricchezza con ristrutturazioni ad hoc e eventi capaci di dare una spinta ben strutturata per il decollo del turismo”, dice il sindaco Filippo Bellesi.
28villafrancaFra portali in arenaria, viuzze, piazzuole, piagnoni, il borgo si è riempito di danzatrici, maghi, giullari, mimi… trasportando tutti in un’atmosfera magica, lontana dallo stress che annulla, sovente, persino gli spazi vitali di cui abbiamo bisogno per ricaricare “le pile” della quotidianità. Importante lo spazio dedicato ai bambini i quali hanno avuto la possibilità di mettere ali alla fantasia e alla creatività disegnando, sotto la guida di esperti, lo stemma dei Malaspina e di costruire, con stoffe colorate e carta, l’uccello di fuoco da lanciare verso il cielo.
La manifestazione è stata supportata, accanto all’Amministrazione comunale, dalle Associazioni di volontariato del territorio e da sponsor: Compagnia “Armis Luane”, Coaf, Vab-Villafranca, Ser, Arcieri della Luna, Imbosca, Disfida dello spino secco.
Di grande efficacia la presenza degli sbandieratori del Piagnaro e di Bellydance Lunigiana. I visitatori hanno avuto la possibilità di gustare la bontà dei prodotti tipici negli stand gastronomici. Irresistibili le focaccette farcite di salumi e di formaggi che han deliziato ogni palato.
Ovviamente il ringraziamento degli amministratori comunali va a tutti coloro che, in modi e forme diversificate, hanno contribuito alla riuscita dell’appuntamento estivo. Nella consapevolezza che la sinergia, vissuta con la mente e con il cuore, dà copiosi frutti. (i.f.)

Condividi

Scrivi un commento