Il nuovo Almanacco di Filattiera 2018

Dedicato ai caduti della Prima Guerra Mondiale

La copertina dell'almanacco di Filattiera 2018
La copertina dell’almanacco di Filattiera 2018

Anche per il 2018 l’Associazione Culturale Kuaikò in collaborazione con la Pro Loco propongono l’Almanacco di Filattiera. La pubblicazione è arrivata al quarto numero, quest’anno dedicato al ricordo dei caduti della Prima Guerra Mondiale. Un modo per riflettere sull’inutilità delle guerre e capire l’importanza del dialogo per superare ogni controversia tra Nazioni e persone. In particolare la pubblicazione propone un importante documento storico: il ricordo della celebrazione avvenuta il 20 maggio 1923 a Filattiera, con la consacrazione di Viale della Rimembranza e la consegna delle bandiere ai bambini delle elementari, come voluto dall’on. Dario Lupi, allora Sottosegretario per la Pubblica Istruzione. Per rendere il Viale simbolo del ricordo, in quell’occasione furono piantati degli alberi, uno per ogni caduto. All’interno dell’Almanacco si trova l’elenco dei caduti sul campo e dei morti in seguito a ferite; vi sono compresi anche chi, pur provenienti da altri comuni, erano domiciliati a Filattiera, o appartenevano a famiglie del Comune. Nella parte finale è riportato uno stralcio del testo teatrale “Fango di Trincea”, che contiene lettere dal fronte, a cura di Luigi Leonardi e Lucia Marchi. Anche questa edizione dell’Almanacco si è avvalsa della collaborazione di vari studiosi. Un particolare ringraziamento gli ideatori lo rivolgono alla famiglia Ferrari per aver fornito il documento riprodotto, in particolare a Maria Gabriella Ferrari per il suo contributo storico e la disponibilità a fornire le fotografie dell’archivio di famiglia. Le fotografie contenute provengono da vari archivi privati. Sono inoltre riportati tutti i monumenti sparsi nel territorio comunale che ricordano i caduti della Prima Guerra Mondiale. L’Almanacco è acquistabile all’edicola Prè Prè a Filattiera o facendone richiesta alla pagina facebook dell’associazione culturale Kuaikò.

Condividi

Scrivi un commento