Studenti lunigianesi in visita al Parco dell’Appennino Tosco Emiliano

Escursioni nella natura e visite alle realtà produttive

Studenti al Parco dell'Appenino
Studenti al Parco dell’Appenino

L’Appennino Tosco Emiliano ha accolto, nei giorni scorsi, un nutrito numero di studenti provenienti da diversi istituti lunigianesi, fra i quali il “Pacinotti” di Bagnone e Pontremoli, il “da Vinci” di Villafranca, le terze classi della Scuola Media di Aulla ed una rappresentanza delle Primarie di Fosdinovo ed Albiano Magra. Grazie a progetti altamente formativi, sotto l’occhio vigile ed attento degli educatori e dei dirigenti, i nostri ragazzi hanno avuto, così, la possibilità di conoscere un territorio che ha in sé quasi il 70% della biodiversità italiana, con circa 64 prodotti tipici raccolti in presidi Slow Food e contrassegnati dai marchi Dop e Igp. Una vera ricchezza che, nell’era della globalizzazione, ci permette di far apprezzare le nostre eccellenze nel mondo. Gli studenti hanno “sfogliato” e ammirato il meraviglioso libro della natura cogliendo profumi, suoni e colori che solo il Creato dona gratuitamente e che meritano rispetto e tutela. Tante le escursioni lungo i sentieri, un tempo battuti dai pastori nel periodo della transumanza, quando il crinale amico univa Lunigiana e Parma. Eppoi, ancora trekking, ciaspolate e, dov’è stato possibile, anche sci di fondo. Interessanti le visite alle stalle ed ai caseifici per conoscere da vicino la lavorazione del latte e dei suoi derivati con la possibilità di dialogare e porre domande allo staff del Parco Nazionale, Riserva di Biosfera Unesco.

Carletto Marconi, sindaco di Bagnone
Carletto Marconi, sindaco di Bagnone

“Tali soggiorni sono importanti per le giovani generazioni – ci dicono il sindaco di Bagnone, Carletto Marconi e la dirigente Lucia Baracchini – in quanto segno forte di una progettualità condivisa, aldilà dei campanili, a vantaggio della cultura che ci appartiene e che dobbiamo far circolare mediante le risorse che abbiamo, creandone altre con l’apporto di tutti, restituendo centralità ai borghi minori dell’Appennino”. Entusiasmante lo spirito di gruppo che ha rallegrato il soggiorno, arricchendolo di momenti di aggregazione che i giovanissimi sanno vivere . Con il valore aggiunto del… contagio sano. Ivana Fornesi

Condividi