Con Dante in esilio: per non soccombere bisogna confrontarsi con il male

Nel libro di Nicola Bultrini un messaggio di salvezza e di rigenerazione attraverso l’arte e la cultura L’esilio come “punto focale della conoscenza del mondo e del destino dell’uomo”; per il grande poeta russo J. Brodskij, costretto a espatriare nel 1972, come in epoca medievale accadde a Dante, l’esilio non è stato solo “una condanna…



Questo articolo è visibile solo per gli utenti iscritti.
>> Iscriviti gratuitamente per continuare la lettura <<

Condividi