Trump e Biden: due idee di Paese e due stili di leadership

40Trump_BidenDomenica sera il presidente Donald Trump si sarebbe dovuto incontrare con Joe Biden e insieme avrebbero dovuto rispondere alle domande del pubblico, ma la town hall, così è chiamato questo appuntamento, si è svolta separatamente – in Florida per il presidente uscente, in Pennsylvania per il candidato democratico -, dopo che Trump si è rifiutato di tenere il dibattito online con il suo avversario a causa della positività al Covid. Il primo ha occupato la rete di Nbc news ed è stato, talvolta, messo al muro dalla giornalista Savannah Guthrie; l’altro invece per un’ora e mezza è andato in onda su Abc incalzato con eleganza dal giornalista George Stephanopoulos.
Davanti a un pubblico composto da genitori, afroamericani, impiegati, supporter democratici e repubblicani, immigrati, che ha posto le domande a distanza di sicurezza, senza dibattito né interruzioni o invettive, il confronto, su due canali televisivi separati, ha messo in luce due mondi politici a confronto, due idee di Paese, due stili di leadership.
Simili e ricorrenti i temi proposti a entrambi i candidati: Covid-19, economia, lavoro, tassazione, ingiustizia razziale, minoranze, Corte Suprema. Il presidente ha risposto secondo il suo cliché: nessuno aveva fatto meglio di lui, ogni cosa era formidabile, eccezionale, grandissima. Biden, invece, ha ricondotto non poche volte il dibattito ad esperienze personali e a fatti reali, anche se non sono mancati scivoloni sulla legge del 1994 che aveva portato all’incarcerazione di massa degli afroamericani e che lui aveva contribuito a scrivere, pentendosene dopo.
Sul coronavirus, la gestione della pandemia e i vaccini ci sono state risposte e citazioni di dati imprecisi e talvolta esagerati da parte di Trump. Biden è apparso sempre contenuto, ragionevole, anche quando non ha lesinato attacchi al suo avversario, soprattutto sul numero dei morti e i ritardi nella risposta alla pandemia.
Quanto alla reazione a una possibile sconfitta, Trump ha detto in maniera secca che li avrebbe accettati a patto di “un’elezione onesta”, citando racconti di frode su schede elettorali contestate dalla giornalista. Biden ha confermato l’accettazione e si è augurato di tornare a fare il professore proprio in Pennsylvania, stato in cui è nato. Sulla ripresa economica Trump è stato contestato sulla disoccupazione, raddoppiata nella sua narrativa di creatore di milioni di posti di lavoro, mentre Biden ha dovuto glissare sul passaggio radicale ad un’economia verde, spinto dalla sinistra democratica, essendo più su posizioni moderate che non escludano forme tradizionali di energia e industria.
Ha quindi affermato che l’America First di Trump è anche “un’America sola”. Gli ultimi giorni di campagna elettorale saranno dedicati a guadagnare il consenso negli Stati ancora in bilico, come la Florida e la Pennsylvania.

Condividi