No alla chiusura delle biglietterie delle stazioni di Aulla e Pontremoli

La protesta dei due sindaci, Lucia Baracchini e Roberto Valettini, che chiedono chiarimenti

Una biglietteria di una stazione ferroviaria chiusa
Una biglietteria di una stazione ferroviaria chiusa

No alla chiusura della biglietteria delle stazioni ferroviarie di Pontremoli ed Aulla durante i fine settimana. È una la richiesta forte e chiara che il sindaco di Pontremoli Lucia Baracchini e quello di Aulla Roberto Valettini hanno rivolto in questi giorni all’assessore della Regione Toscana con delega alle infrastrutture per la mobilità, logistica, viabilità e trasporti Vincenzo Ceccarelli e al direttore della Divisione Trasporto Regionale Toscana di Trenitalia Gianluca Scarpellini. Una scelta sbagliata ed ingiusta piovuta dall’alto dall’inizio dell’anno: improvvisamente e senza alcun preavviso o confronto con amministratori locali e organizzazioni sindacali e senza neppure una adeguata informazione pubblica.

Il sindaco di Pontremoli Lucia Baracchini
Il sindaco di Pontremoli Lucia Baracchini
Il sindaco di Aulla Roberto Valettini
Il sindaco di Aulla Roberto Valettini

Dal primo gennaio biglietterie chiuse quindi nelle giornate di sabato e domenica, sia nella stazione ferroviaria pontremolese che ad Aulla. I due primi cittadini hanno prontamente protestato sottolineando come tale disservizio rappresenti una grave penalizzazione per gli utenti del territorio, che si tratti di pendolari o meno, ma anche per i numerosi turisti che trascorrono i loro fine settimana liberi nella terra dei cento castelli. Non solo. “Si tratta anche di violazioni di accordi – hanno spiegato i due sindaci nella lettera inviata all’assessore Ceccarelli e al direttore Scarpellini -, a suo tempo definiti, tra Trenitalia e Regione, con i quali era ed è garantita l’apertura delle biglietterie sette giorni su sette”. Se poi la motivazione di tale carenza fosse da ravvisare nella difficoltà di reperire personale a causa di eventuali pensionamenti il problema non esisterebbe, anzi: “Da tempo ci sono domande di diversi dipendenti/operatori Trenitalia residenti in Lunigiana ma da anni collocati altrove. Collocarli presso le biglietterie di Pontremoli ed Aulla, permetterebbe loro di rientrare nel proprio territorio (invece che pianificare magari il trasferimento della propria famiglia) e risolverebbe la carenza di servizio verso l’utenza”. Per tutti questi motivi quindi è stato richiesto ai vertici di Regione e Trenitalia un intervento urgente e, se utile, un incontro per approfondire le tematiche.

Condividi