Verso il voto. Le interviste ai candidati sindaco di Filattiera

La sindaca di Filattiera Annalisa Folloni
La sindaca di Filattiera Annalisa Folloni.
Il simbolo della lista Alternativa Democratica per Filattiera
Il simbolo della lista Alternativa Democratica per Filattiera che appoggia la Folloni

Annalisa Folloni (Alternativa Democratica per Filattiera)

Un secondo mandato per concludere gli importanti progetti messi in campo

Sindaco Folloni, si sta chiudendo il suo primo mandato. Che cosa l’ha portata ad accettare una seconda candidatura?
C’è la voglia di portare avanti un percorso amministrativo che ci ha permesso di ottenere importanti traguardi. Ci sono percorsi avviati che devono essere conclusi e progetti che dobbiamo e vogliamo mettere in campo per la comunità.
C’è stato un ricompattamento del campo del centrosinistra…
Sì ed è un aspetto che davvero sottolineo con piacere, si è andati oltre alle frizioni di cinque anni fa e ci presentiamo con una squadra di governo armonica e pronta a lavorare per i cittadini.
Quale ritiene siano gli aspetti più qualificanti della sua prima esperienza amministrativa?
Abbiamo ottenuto importanti risultati. Il tutto senza alzare le imposte, che sono tra le più basse del territorio, e con un ottimo livello dei servizi: tra questi sottolineo quello della mensa scolastica, gestita dal Comune e che offre un menu a km 0. Poi se devo scegliere le opere più significative fatte in questi cinque anni direi la riqualificazione e ripavimentazione del Borgo di Mezzo, nel centro storico di Filattiera, e la realizzazione del ponte sull’Orzanella. Un’impresa, quest’ultima, davvero difficile, visto che abbiamo dovuto davvero impegnarci a fondo per reperire le risorse. Ma il risultato è un’opera importante che ha permesso alla comunità di Scorcetoli di riavere un fondamentale punto di comunicazione.
Inevitabilmente non si può non parlare dei progetti futuri…
Con l’approvazione del bilancio nell’ultimo consiglio comunale abbiamo messo in cantiere progetti per oltre un milione di euro saranno interventi (ripavimentazione del Borgo Santa Maria, ristrutturazione della palestra comunale, ecc.) che cercheremo di completare nei prossimi tre anni. A cui si aggiunge anche la conclusione della collocazione della Banda Larga ed un progetto per la realizzazione di una via ciclabile in collaborazione con i comuni di Villafranca, Bagnone, Mulazzo e Pontremoli.
Quale sarà la priorità assoluta del suo eventuale secondo mandato?
Non ho dubbi, il miglioramento della viabilità. Perché solo garantendo la possibilità di muoversi e di comunicare si può permettere al territorio, e soprattutto alle frazioni, di sopravvivere.

Andrea Draghi
Il candidato sindaco Andrea Draghi
Il logo della lista centro destra per Filattiera
Il logo della lista centro destra per Filattiera che appoggia Draghi

Andrea Draghi (Centro destra per Filattiera)

Puntare su viabilità, turismo ed energia rinnovabile per rivitalizzare il territorio

Andrea Draghi, la sua candidatura ha creato degli scompigli nel centrodestra…
No, io sono l’unico e solo candidato ufficiale del centrodestra.
Eppure la lista della candidata Barella …
Non voglio polemizzare con gli altri candidati. Però posso affermare che la delegazione nazionale del centrodestra ha riconosciuto in me il candidato ufficiale. Anche perché c’era un accordo ben preciso. Dieci anni fa è stato il turno di Forza Italia con la Cavellini, cinque anni fa è toccato a Marchetti di Fratelli d’Italia e stavolta è il turno della Lega di cui sono un militante storico.
Ed allora cosa è successo?
Forse sono una persona ingombrante, comunque davvero non voglio alimentare sterili polemiche.
Passiamo quindi ai programmi. Quali sono le sue priorità?
La nostra intenzione è quella di rivitalizzare un paese che è addormentato da troppo tempo. Specie dopo cinque anni di inattività in cui ci si è limitati alla gestione della spesa corrente. Ci sono tante cose da sistemare dalla viabilità al turismo.
Nello specifico quali sono i vostri progetti?
Restando al turismo bisogna ricreare in toto un circuito che attiri visitatori. Bisogna istituire aree di ricezione turistica coinvolgendo le grandi case turistiche che portano utenti. Un patrimonio come la Pieve di Sorano deve assolutamente essere al centro di un progetto turistico, anche pensando a nuovi scavi che possano far riemergere importanti reperti. Poi c’è l’urgenza di valorizzare i prodotti tipici che possono attirare ed attrarre come i presidi alimentari: la spalla cotta Dop, il miele Dop, il testarolo e la valorizzazione della pesca. E poi c’è un aspetto in particolare che vorrei evidenziare…
Quale?
Che dobbiamo sfruttare la meravigliosa natura che ci circonda. Abbiamo due parchi che in tanti anni non hanno creato un solo posto di lavoro. Ed invece si potrebbe utilizzare il patrimonio naturale per creare energia rinnovabile in grado di coprire il fabbisogno energetico della popolazione. Si permetterebbe così un risparmio notevole (su riscaldamento, elettricità) che invoglierebbe anche molte persone a venire ad abitare a Filattiera permettendo la rinascita di un territorio che sta sempre più scomparendo.

La candidata a sindaco Silvia Barella
La candidata a sindaco Silvia Barella
Il simbolo della lista Cambia con noi
Il simbolo della lista Cambia con noi che appoggia la Barella

Silvia Barella (Cambia con noi)

Turismo, viabilità, rilancio dei borghi, ecocompattatore per il “Rinascimento” di Filattiera

Silvia Barella come nasce la sua candidatura?
Innanzitutto voglio subito precisare un aspetto, noi vogliamo parlare solo delle nostre idee e del nostro programma. Nessuna polemica con i candidati e gli esponenti delle altre due liste. La nostra è una squadra compatta con otto persone che hanno storia, credo politico e attività professionali diversi. Ma che si sono unite nella convinzione di poter avviare un “Rinascimento” di Filattiera
Quali sono i punti che caratterizzano il vostro programma?
Ci sono vari progetti ed idee. Come quello di realizzare un ecocompattatore utile per riciclare plastica e lattine. Un progetto che oltre ad una valenza ambientale avrà una ricaduta economica sul territorio visto che a chi lo utilizza verrà erogato un buono spendibile negli esercizi commerciali del territorio. Poi un altro punto forte del nostro programma è senza dubbio la valorizzazione del turismo facendo brillare le bellezze storiche e paesaggistiche che il nostro territorio possiede: dalla Pieve di Sorano, alle Statue Stele di Scorcetoli e Sorano, ai suggestivi borghi come Ponticello e la Rocca. Inoltre lavoriamo per un progetto di sgravio sul pedaggio autostradale per i pendolari. Una sorta di abbonamento che vorrebbe dire uno sconto del 20-30% che potrebbe facilitare il ritorno della popolazione e fermare lo spopolamento delle nostre frazioni.
A proposito delle frazioni, quali sono le vostre priorità in merito?
Senza dubbio il miglioramento della viabilità. E per fare questo ci attiveremo per reperire i fondi europei che esistono per questo specifico aspetto. Abbiamo già avviato dei contatti informali con dei tecnici di Firenze per avviare subito un percorso. Poi ci attiveremo per avere un confronto con Gaia, la società che gestisce il servizio idrico, perché in estate le nostre frazioni (è successo a Caprio) restano senza acqua. Per un territorio che vuole vivere di turismo, che si concentra soprattutto nel periodo estivo, è una mancanza davvero grave. Poi per incentivare il ritorno degli emigrati e, anche per i residenti, ci impegneremo per attivare la fibra ottica su tutto il territorio comunale. Inoltre, visto che non dobbiamo mai dimenticare le nostre radici, prevediamo di effettuare la pulizia e la riqualificazione dei cimiteri del territorio.

(r.s.)

 

Condividi