Senza grandi novità le iscrizioni agli Istituti superiori lunigianesi

Il “Belmesseri” inverte la tendenza negativa

L'ingresso a scuola di alcuni studenti delle Superiori
L’ingresso a scuola di alcuni studenti delle Superiori

“Il carrozzone va avanti da sè con le regine, i suoi fanti, i suoi re”. La scuola come il carrozzone, cantato da Renato Zero, va avanti da sè. E se non è il caso di stabilire chi possano essere le regine, i fanti e i re, – ciascuno può assegnare questi ruoli secondo la propria visione della scuola – su questo andare ad ogni modo quest’ultima fa pensare davvero al carrozzone. Ogni anno, prima dell’inizio delle lezioni, sembra non funzioni nulla – ritardi, mancanza di insegnanti, problemi di edilizia scolastica – ma poi, con qualche aggiustamento, qualche mugugno, l’impegno dei dirigenti e il senso di responsabilità del personale, il servizio scolastico viene garantito: il carrozzone, appunto, va. Come è abitudine, il nostro giornale fa il punto sull’avvio dell’anno scolastico nelle scuole lunigianesi e in particolare sulle iscrizioni alle classi prime delle scuole secondarie di II grado, che danno la misura delle prospettive e della sopravvivenza sul nostro territorio delle scuole stesse e quindi di una articolata e ricca offerta formativa destinata agli studenti. Fra le scuole superiori, come abbiamo già avuto modo di scrivere in passato, l’Istituto “P. Belmesseri” destava lo scorso anno qualche preoccupazione per l’esiguo numero delle iscrizioni alle classi prime dei corsi Amministrazione Finanza e Marketing (AFM) di Pontremoli e Fivizzano. Quest’anno quella tendenza negativa è stata invertita perché il corso AFM di Pontremoli vede in classe 21 alunni contro i 9 dello scorso anno e nel contempo il Turismo raggiunge i 15, contro i 12 dell’anno passato. A Fivizzano si è passati da 8 a 12. L’Istituto Professionale per i Servizi Commerciali di Villafranca, legato al Belmesseri, non soltanto fa registrare un incremento delle iscrizioni ma forma addirittura due classi prime di 14 e 12 alunni per la presenza di alcuni alunni con disabilità. Rimane il rammarico per le difficoltà nelle quali si trova il corso Costruzioni Ambiente e Territorio (CAT – ex geometri) che aveva inizialmente 7 alunni ai quali se ne erano aggiunti alcuni durante l’estate: ciononostante non è stato possibile formare una classe prima. Viene da chiedersi se davvero siano state esplorate tutte le possibili vie per rilanciare quel corso. Le iscrizioni alla IV ginnasio del Liceo Classico Vescovile “Mons. M. Mori” di Pontremoli presentano quest’anno una flessione rispetto al 2017-18: 7 alunni iscritti contro i 16 dello scorso anno. I licei del “da Vinci” di Villafranca registrano tre classi prime allo Scientifico: due di 17 e 16 alunni e quella dell’indirizzo scienze applicate di 22; tre prime anche al “Malaspina” di Pontremoli con 19 studenti al Linguistico e 39 a Scienze umane: 18 in 1aA e 21 in 1a B; 18 alunni in IV ginnasio al Liceo classico di Aulla, in consistente aumento rispetto allo scorso anno. L’Istituto “Pacinotti” di Bagnone continua il trend positivo già registrato per l’Alberghiero: 42 iscritti alla classe prima, 22 in 1aA e 20 in 1aB. Il corso Manutenzione e Assistenza Tecnica (MAT) di Bagnone ha 21 iscritti, 10 gli studenti all’Agrario e 11 all’Odontotecnico. Confermate le Dirigenze scolastiche dello scorso anno con la prof.ssa Sonia Casaburo reggente del “da Vinci” di Villafranca, la prof.ssa Michela Bugliani reggente del “Belmesseri” di Pontremoli e la prof.ssa Lucia Baracchini titolare al “Pacinotti” di Bagnone. Novità per le scuole secondarie di I grado: a seguito del pensionamento del dirigente prof. Roberto Cecchi, l’IC “Baracchini” di Villafranca è stato affidato in reggenza alla prof.ssa Alessandra Carozzi. Nessuna variazione per le altre scuole. Si è voluto qui dar conto delle iscrizioni alle classi prime delle scuole secondarie di secondo grado e della situazione delle dirigenze scolastiche, ma si dovrà tornare a scrivere di edilizia scolastica e di offerta formativa, perchè è necessario contribuire a far conoscere la qualità dell’insegnamento delle scuole lunigianesi affinchè ci si convinca che vale la pena rimanervi a studiare. Fabrizio Rosi

Al “Pacinotti” parte il progetto della “settimana corta”
Icirca 400 studenti dell’istituto “Pacinotti” nelle sedi di Bagnone, Pontremoli e Fivizzano andranno a scuola dal lunedì al venerdì con fine settimana libero. Gli alunni recupereranno le ore perse il sabato fermandosi i pomeriggi del lunedì e del venerdì. “L’autonomia scolastica – afferma la dirigente scolastica Lucia Baracchini – permette alla scuola spazi di libertà organizzativa per andare incontro alle esigenze degli alunni, in primis quelle didattiche formative, e al contesto ambientale. Quindi, anche con con un occhio ai risparmi organizzativi, abbiamo deciso di adottare l’orario delle Scuole medie, già sperimentato dai nostri ragazzi”. Inoltre, ricorda la dirigente Baracchini, al “Pacinotti” si sta lavorando per dar vita ad un nuovo corso relativo al conseguimento di un diploma tecnico per la gestione delle acque ed il conseguente risanamento ambientale. i.f.

Condividi