Gemellaggio musicale col Corpo bandistico di Boretto

Domenica scorsa il concerto della banda ospite nella Piazzetta della Pace

Il concerto del Corpo Bandistico G. e F. Medesani di Boretto per il  gemellaggio
Il concerto del Corpo Bandistico G. e F. Medesani di Boretto durante il gemellaggio

Domenica 24 giugno la Musica Cittadina di Pontremoli ha accolto il Corpo Bandistico G. e F. Medesani di Boretto – comune in provincia di Reggio Emilia situato sulla riva destra del Po – per un incontro che ha segnato l’avvio del gemellaggio tra i due sodalizi. Il complesso bandistico borettese è nato nel 1855 come Società Filarmonica di Boretto. Ha raggiunto una buona notorietà nei primi 30 anni del secolo scorso sotto la direzione del maestro Giovanni Medesani e poi ancora fino agli anni ‘60 sotto la guida di diversi maestri, tra i quali Franco Medesani. A partire dal 1971 – maestro Giovanni Evangelista Tosi di Boretto – il sodalizio ebbe una buona ripresa che lo portò ad essere apprezzato in tutta la Regione. Da diversi anni il corpo bandistico, attualmente composto da una quarantina di elementi, è diretto dal maestro Luciano Pellicelli. Gli ospiti sono giunti nel primo pomeriggio e dopo un breve scambio di saluti tra le autorità – il presidente Massimo Righi e il vice sindaco (e musicante) Matteo Benassi per Boretto; il presidente Elio Poli, il sindaco Lucia Baracchini e l’assessore Clara Cavellini per Pontremoli – sono stati accompagnati al Castello del Piagnaro e nelle piazze del centro storico per una breve visita della città. Nel concerto, che ha messo in mostra la buona preparazione dei musicanti emiliani, sono stati proposti brani di J. De Haan, J. Strauss, P. Murtha, R. Sebregts, J. Zawinal e un omaggio a Zucchero. I due bis, uno dei quali My Way, hanno visto impegnato come solista alla tromba il maestro Pellicelli. Per tutti gli applausi convinti dei molti presenti alla manifestazione. Lo scambio di doni finale è stato il preludio all’immancabile cena offerta nella sede della Musica Cittadina, secondo la migliore tradizione.

Condividi

Scrivi un commento