Il 3 settembre ad Arpiola la giornata diocesana per la Custodia del Creato

custodia_creato“Certo, il Signore è in questo luogo e io non lo sapevo” (Gen. 28, 16) – Viaggiatori sulla terra di Dio. Questo il titolo della dodicesima edizione della Giornata della Custodia del Creato promossa dalla Chiesa italiana e che si svolte il 1° settembre di ogni anno.
“Un’educazione alla custodia del creato esige, dunque, – scrivono i vescovi italiani nel Messaggio dedicato – anche una formazione dello sguardo, perché impari a coglierne ed apprezzarne la bellezza, fino a scoprirvi un segno di Colui che ce la dona”.
Ed è sulle tematiche del viaggio e del pellegrinaggio che anche la Diocesi di Massa Carrara – Pontremoli, in particolare l’Ufficio di Pastorale Sociale e del Lavoro, sta organizzando una iniziativa per la domenica 3 settembre. Infatti nel pomeriggio ci sarà un percorso, un vero e proprio pellegrinaggio  nella contemplazione della natura e del creato, che si terrà nel parco fluviale di Mulazzo.
Assieme agli Scout e ai Giovani si svolgerà un percorso a piedi caratterizzato da alcune tappe che culmineranno nella celebrazione della S. Messa all’Arpiola, presieduta dal vescovo Giovanni.
Presso l’Ufficio diocesano di PSL è disponibile copia del Messaggio dei Vescovi e informazioni sull’iniziativa del 3 settembre.

I Vescovi delle tre Commissioni, per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace, dell’Ecumenismo e il dialogo, e per la Cultura e le Comunicazioni sociali hanno elaborato un messaggio per la celebrazione della 12ª Giornata Nazionale per la Custodia del Creato nel quale si ricorda che, seppur radicata in un luogo, la nostra storia personale si dispiega in una varietà di tempi e di spazi e che, come molte altre religioni, il cristianesimo saprà valorizzare la pratica del pellegrinaggio, riscoprendolo in forme sempre nuove e formative. Nel testo si esorta anche ad abitare la terra come viaggiatori e a far crescere un turismo autenticamente sostenibile, capace cioè di contribuire alla cura della casa comune e della sua bellezza.

Condividi

Scrivi un commento