I reali e la Sindone: l’acquisto, la donazione al Vaticano

sindoneI Savoia hanno posseduto la Sindone, che certamente fu il sudario di un uomo crocifisso, si ritiene sia Gesù. La storia della reliquia è complessa: una prima notizia risale al 1353, quando a Lirey è esposto un lenzuolo e si afferma essere quello che avvolse Cristo. Nel 1449 in Belgio è Margherita di Chamy a sostenere di possedere la Sindone, datale in custodia durante una guerra. Si rifiuta di restituirla, nel 1453 la vende ai Savoia che la conservano a Chambery, nel 1506 papa Giulio II autorizza il culto pubblico della Sindone, che subì incendi. Il più grave nel 1532, è messa in salvo, ma gocce del reliquiario in argento fuso ne bruciano delle parti, risanate con rammendo e telo di rinforzo. Viene portata a Torino, a Vercelli e Nizza, ritorna a Chambery, di nuovo a Torino. Il Guarini edificò la cappella dove è ora conservata. Durante la battaglia del 1706 è portata a Genova, rientra al suo posto e vi rimane fino al 1939, quando in vista della guerra è nascosta nel santuario di Montevergine in Campania e là resta fino al 1946.
Umberto II, morto nel 1983, lascia nel testamento la reliquia al papa, Giovanni Paolo II vuole che stia a Torino. Nel 1987 un incendio, salvata, sta in teca antiproiettili e antisfondamento, ha avuto restauro conservativo nel 2002. L’ultima ostensione nel 2015 con visita del papa nel Giubileo Salesiano a 200 anni dalla morte di Giovanni Bosco. É nato un contenzioso, con interrogazione parlamentare non ancora evasa: alcuni sostengono che, per la XIII disposizione della Costituzione, i beni degli ex re Savoia sono “avocati allo Stato”. La Sindone rimane proprietà del Vaticano per uso capione, lo Stato non ne ha rivendicato la proprietà.

m.l.s.

Condividi

Scrivi un commento