Pontremoli: ristabilita la viabilità nell’Alta Valle del Verde

GUINADI E CERVARA: Inaugurato il ponte sul Verde in località Cadugo. La struttura sostituisce il vecchio ponte danneggiato dalla piena del torrente nel 2014

Il ponte di Cadugo subito dopo la conclusione dell'asfaltatura
Il ponte di Cadugo subito dopo la conclusione dell’asfaltatura

Una buona notizia per quanto concerne la viabilità pontremolese. Infatti, a seguito del completamento dei lavori di ristrutturazione del ponte sul torrente Verde in località Cadugo, è stato ripristinato il transito sulla viabilità comunale Monti-Cervara e, al contempo, dal 22 gennaio è stata riattivata la linea 2 del servizio di trasporto pubblico “Pontremoli – Cervara”.Insomma finalmente si è conclusa l’attesa per la riapertura del ponte di Cadugo che va a sostituire quello danneggiato dalla piena del torrente nell’autunno 2014, un’opera attesa ormai da anni dagli abitanti delle frazioni interessate… e non solo. Nel dicembre scorso, erano stati conclusi (da parte della ditta Iris costruzioni di Villafranca) i lavori di asfaltatura del nuovo ponte che collega le frazioni di Guinadi e con Cervara – siamo nell’Alta Valle del Verde – e, dopo gli ultimi controlli tecnici, c’è stato il taglio del nastro che ha permesso quindi la ripresa della viabilità. Un’opera importante, il cui finanziamento è stato ripartito tra Regione Toscana (400mila euro) e Comune di Pontremoli (30mila euro). I lavori hanno riguardato la sistemazione delle sponde del torrente, la costruzione delle testate dove posizionare le travi in ferro (assemblate in loco), la realizzazione dell’impalcato della carreggiata e tutte le opere stradali connesse. Il nuovo ponte è lungo 20 metri e largo 7,90; le spalle sono in cemento armato rivestite in pietra e la struttura è in acciaio. La nuova opera rappresenta un’infrastruttura importante per la popolazione della vallata che aumenta in particolare durante il periodo estivo, quando tornano nelle frazioni i tanti migranti (molti provenienti dalla Francia); gli stessi che, nell’estate scorsa, hanno avuto non pochi problemi nel percorrere la non certo agevole strada alternativa di Prà del Prete. Purtroppo i tempi dei lavori si sono notevolmente dilatati, rispetto alla tempistica attesa, per la coesistenza forzata di tre cantieri. Infatti, ai lavori del Comune per il nuovo ponte si sono sommati quelli del Consorzio di Bonifica nell’alveo del torrente e quelli per la realizzazione della centrale idroelettrica sul torrente Darnia da parte di una società privata. Questo ha reso necessario l’installazione di un ponte Bailey provvisorio per permettere lo svolgersi contemporaneo dei tre interventi. A titolo di cronaca si può ricordare come proprio questo ponte fu (e in particolare gli attesi finanziamenti regionali) uno degli argomenti caldi alla vigilia delle elezioni comunali del 2016 con un aspro confronto tra l’amministrazione in scadenza e il candidato a sindaco avversario, Francesco Mazzoni. Da un lato Mazzoni attaccò la maggioranza incapace, a suo dire, di portare a termine il confronto con la Regione; dall’altro giunse la replica del capogruppo Jacopo Ferri che parlò di un atto gravissimo da parte della Regione. Per fortuna il finanziamento rientrò poi nel successivo bilancio regionale permettendo di dare l’avvio ai lavori che oggi sono finalmente conclusi. (r.s.)

Condividi