Bagnone: finanziamenti per il recupero del centro storico

Dalla Regione 200mila euro per un progetto di riqualificazione di piazza Marconi

Panorama del castello di Bagnone
Panorama del castello di Bagnone

C’è anche Bagnone tra i nove Comuni sotto i 15mila abitanti che si sono aggiudicati gli oltre cinque milioni di euro stanziati dalla Regione Toscana per progetti di rigenerazione urbana, ovvero interventi per la riorganizzazione e la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, di spazi pubblici, delle aree urbane degradate e di quelle dismesse. Il limite massimo del contributo richiesto è 800mila euro e ciascun Comune poteva fare richiesta di contributo per un solo intervento. I contributi potevano essere erogati fino ad un massimo dell’80% delle spese ammissibili effettivamente sostenute per la realizzazione dell’intervento e essere utilizzati esclusivamente per il cofinanziamento di spese di investimento.

L'assessore della Regione Toscana alle infrastrutture e governo del territorio Stefano Baccelli
L’assessore della Regione Toscana alle infrastrutture e governo del territorio Stefano Baccelli

“L’obiettivo – spiega l’assessore regionale alle infrastrutture e governo del territorio Stefano Baccelli – è quello di migliorare la qualità della vita nelle aree urbane e nelle aree interne della Toscana, in coerenza con il quadro strategico regionale per uno sviluppo sostenibile ed equo. Attraverso questo tipo di finanziamenti si va ad incidere nel tessuto urbano strettamente connesso a quello sociale. Il che significa ridurre i fenomeni di marginalizzazione e di degrado sociale, migliorare anche la biodiversità, la sicurezza dei luoghi e anche la mobilità”.

Piazza Marconi a Bagnone
Piazza Marconi a Bagnone

E il progetto del Comune di Bagnone è arrivato al primo posto, tra centinaia presentati, progetto a cui è stato assegnato oltre 200mila euro per concretizzare il progetto che riguarda il recupero e lo sviluppo del centro storico, attraverso interventi di rifunzionalizzazione e riqualificazione partecipati. “Si tratta di un’opera importante che andrà a riqualificare il centro storico – spiega il sindaco Giovanni Guastalli – ma in particolare piazza Marconi”. Il costo complessivo dell’opera è previsto sui 277 mila euro, di cui, come detto, circa 200 mila saranno a carica della Regione. I restanti 70 mila saranno a carico del Comune ma che potrà contare sul supporto delle attività che si affacciano sulla piazza che contribuiranno per circa 14 mila euro. Si andrà quindi ad intervenire sulla piazza ma anche sulla via adiacente che conduce a piazza Italia. Ma non solo, all’interno del progetto, è prevista anche l’apertura di uno spazio di coworking nelle sale del comune. Inoltre il sindaco annuncia che, sempre nell’ambito del centro storico, “dovrebbe arrivare a breve un finanziamento da 885 mila euro per la riqualificazione del selciato del borgo di Bagnone”. E restando in tema di progetti di rigenerazione, in questo caso di comunità, il Gal Consorzio Lunigiana mette a disposizione del territorio oltre 600mila euro di contributi a fondo perduto. “Il Gal Consorzio Lunigiana – spiega il suo presidente Roberto Galassi – è pronto per la pubblicazione del bando “Progetti di rigenerazione di comunità”. Una pubblicazione che arriva dopo aver ascoltato tutte le comunità lunigianesi per capire quali sono le idee da sviluppare per rigenerare il territorio.

(r.s.)

Share This Post