I primi 10 anni della Schola Cantorum  “B. Angelo Paoli”

A Casola e nell’Alta Valle Aullella

La Schola Cantorum “Beato Angelo Paoli” è nata su iniziativa del direttore Azuela Incoronato e dell’Organista Simone Catani il 15 febbraio 2011. Il nome iniziale era Schola Cantorum Unità Pastorale di Casola in Lunigiana, in quanto i quaranta componenti del coro provenivano da tutte le nove parrocchie dell’Alta Valle Aulella. In collaborazione e con il sostegno di don Daniele Arcari, è stato possibile creare un gruppo corale interparrocchiale, legato da sincera amicizia e stima reciproca, realizzando l’intenzione manifestata fin dai primi incontri: formare un gruppo unito, amante della musica, da proporre come strumento educativo e liturgico alle comunità del territorio. Il 10 agosto 2014 il coro ha scelto il nome attuale in onore del Beato sacerdote carmelitano, figlio della terra di Argigliano.
Uno degli autori preferiti è mons. Marco Frisina, direttore del Coro della diocesi di Roma: “La musica, dice, può essere un’arma potente, capace di unire i vicini ai lontani, facendoli vibrare all’unisono per la bellezza dell’amore di Cristo”.
In questi anni si è potuto constatare che l’accompagnamento musicale e vocale ha la capacità di trasmettere e rafforzare i sentimenti e le emozioni delle celebrazioni, perché il canto liturgico riesce a penetrare, commuovere e convertire i cuori.
Per il decimo anniversario al coro è stata offerta la possibilità di esibirsi con un nuovo organo, da tempo desiderato e messo a disposizione da don Massimo nella Pieve di Codiponte, ma questa pandemia ha impedito di inaugurarlo in modo festoso. Si attende che migliorino le condizioni di salute e la possibilità di rapporti umani, per potersi nuovamente riunire in gioiosa devozione e cantare le lodi a Dio.    
             (Corrado Leoni)

Condividi